Pizza Pascalina, com'è fatta la pizza che protegge dai tumori


Pizza Pascalina, com'è fatta la pizza che protegge dai tumori

Share

Pizza Pascalina, com'è fatta la pizza che protegge dai tumori

Fra esse quella di Don Peppe proporrà la nuovissima pizza, così salutare che secondo gli studiosi può essere mangiata senza rimorso anche due volte a settimana. L'Istituto Nazionale Tumori IRCCS di Napoli "Fondazione G. Pascale" ha infatti creato una nuova pizza con ingredienti di prima qualità selezionati proprio per proteggere l'apparato cardio-vascolatorio e scongiurare le neoplasie del sistema digerente.

Torna il Napoli Pizza Village, la pizzeria più grande del mondo sul lungomare della città partenopea.

Farina di frumento, friarielli campani a crudo, pomodorini di Corbara o San Marzano, olive di Caiazzo, olio extra vergine d'oliva del Cilento, aglio e peperoncino. Il menù completo, sia a pranzo che a cena, costa dodici euro e comprende: pizza, bibita, dolce o gelato, caffè.

Buona, bella e anche salutare: la pizza è un patrimonio tutto nostro che vale la pena inserire nella propria dieta!

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.