Morto a Roma Gino Santercole, nipote (e cognato) di Adriano Celentano

Share

Morto a Roma Gino Santercole, nipote (e cognato) di Adriano Celentano

Celeberrime le sue canzoni 'Una carezza in un pugno' e 'Svalutation'.

È morto a 78 anni, nella sua abitazione di Roma, Gino Santercole, musicista, autore e chitarrista nipote di Adriano Celentano.

Nato nel 1940 a Milano e figlio della sorella di Celentano, Rosa, è considerato uno dei ragazzi del club di Adriano essendo cresciuto nella famosa via Gluck; suo padre è morto quando era solo un bambino e, nei mesi successivi, è stato trasferito in collegio per poi iniziare a lavorare seguendo le orme dello zio, da orologiaio. Insieme ad altri artisti come Don Backy, Pilade e Gianco affiancò lo zio nella nascita del Clan Celentano. Quando Adriano Celentano sposa Claudia Mori, Santercole conosce la sorella di la sorella della Mori, Anna Moroni, e la sposa, diventando quindi il cognato di suo zio.

Nel 1964 il debutto come cantante solista e nel 1966 partecipa al Festival di Sanremo dove presenta con Celentano "Il ragazzo della via Gluck", pezzo che poi rimarrà nella storia. Ma è anche al cinema che Santercole si tuffa a capofitto, lavorando con registi come Pietro Germi, Dino Risi, Giuliano Montaldo, Luigi Comencini, Luciano Salce, Mario Monicelli.

Ma la sua carriere di cantautore non si è mai fermata: nel 2010 e nel 2014 aveva pubblicato due nuovi album, intitolati rispettivamente 'Nessuno è solo' e 'Voglio essere me'.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.