McCartney si mobilita per mucca Penka

Share

McCartney si mobilita per mucca Penka

E' diventato un "caso europeo" quello di Penka, la vacca bulgara espatriata in Serbia e, al momento di riattraversare il confine per tornare a casa, bloccata dai doganieri perché senza il necessario documento Ue per tradurre bestiame da un Paese all'altro. Per salvarla è stata lanciata una petizione #savePenka. Ha varcato la Manica ed è stata ripresa dai tabloid britannici più a favore della Brexit. Non si vive di sole regole: "serve anche un po' di buon senso".

Penka si è staccata dal suo gruppo il 12 maggio scorso, lasciando il villaggio di Kopilovtsi, non lontano dal confine della Bulgaria con la Serbia.

Fortunatamente, Penka non verrà soppressa: poche ore fa, infatti, le autorità per la sicurezza alimentare bulgare hanno concesso al bovino la possibilità di rientrare nel Paese, dopo aver eseguito alcuni test di laboratorio.

"Non creiamo panico su Penka", ha risposto una portavoce della Commissione Ue, precisando che l'animale è solo in quarantena Ue mentre viene verificato se sia sano".

La mucca Penka non sarà abbattuta, ed entro la fine della settimana sarà restituita al suo proprietario. "Penso che sarebbe davvero magnifico vedere che non si arrivi all'esecuzione della pena per questa mucca incinta, non ha fatto nulla di male", ha scritto McCartney su Facebook.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.