La Spagna accoglierà l'Aquarius, Salvini esulta


La Spagna accoglierà l'Aquarius, Salvini esulta

Share

La Spagna accoglierà l'Aquarius, Salvini esulta

Meno male che qualcuno non dice no. Quando si è soli ad aprire la porta, possono succedere tante cose come quelle che sono successe. Anche Malta deve fare il suo dovere e accolga gli oltre 600 migranti che stanno a bordo della nave Aquarius. "Vanno manifestamente contro le leggi internazionali e rischiano di creare una situazione pericolose per tutti coloro che sono coinvolti". Malta, per dire, non ha violato alcunché e l'Italia, semmai, si è avventurata in un vicolo cieco da cui solo il provvidenziale intervento della Spagna ci ha tirati fuori.

Si parla molto di Sar, ma di cosa si tratta? Di queste, 400 persone sono state recuperato in operazioni effettuate dalla Guardia Costiera e dalla Marina Italiana. Malta, come per altri versi l'Italia, ha caratteristiche particolari.

Perché l'Italia e Malta si stanno scontrando?

Una vicenda che ha visto al centro un vero e proprio scaricabarile tra il governo italiano e quello maltese, e che è stata scandita da numerosi appelli e autorevoli prese di posizione.

Chi doveva assumersi la responsabilità tra i due Paesi? L'Aquarius non è stata autorizzata ad approdare in Italia. Se, come ha dichiarato il capitano dell'Aquarius, la barca è entrata nelle acque territoriali italiane, a quel punto sarebbe stato compito dell'Italia farsene carico. È il segno di un nuovo vento di solidarietà e condivisione che spira in Europa su questa emergenza.

Eppure Salvini ha ingaggiato un braccio di ferro con Malta, era corretto sul piano del diritto? Ecco perché spesso dirotta le navi altrove: un atteggiamento che non è accettabile. Una linea a cui si era apertamente opposto uno dei nomi noti di M5s, il sindaco di Livorno, Filippo Nogarin, che in un post su Facebook aveva scritto che il porto della città toscana era pronto ad accogliere i profughi.

Invece di mantenere questo atteggiamento di totale chiusura, l'attuale governo dovrebbe applicare e far rispettare in modo più puntuale il codice di condotta per le Ong redatto dall'ex ministro degli Interni Marco Minniti.

La mancata risposta dell'autorità maltese, tuttavia, non esime la singola imbarcazione che ha avvistato il natante in panne dall'intervenire: a seguito della mancata risposta (o risposta negativa) della Sar maltese, l'imbarcazione chiederà l'intervento della Sar italiana che coordinerà l'intervento. Il problema è dei singoli Stati che non vogliono assumersi nuovi impegni. Proteste rilanciate anche da altri Dem, come Simona Malpezzi: "Se Salvini non riesce a fare il ministro di tutti, lasci la carica e faccia il leader di partito". Non sono sicura che abbiamo carburante a sufficienza per questo viaggio, quello che so è che questa nave è stata preparata per una navigazione di 3 settimane nel Mediterraneo, ma non so se questo include dei rifornimenti di carburante.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.