Intossicazione Pescara | è Campylobacter

Share

Intossicazione Pescara | è Campylobacter

La Asl ha individuato il batterio causa dell'intossicamento.

Nel corso di questi giorni hanno fatto ricorso alle cure nosocomiali 136 bambini e tre adulti tutti appartenenti ad una collettività scolastica, ben individuata, sulla quale i servizi di Igiene degli Alimenti del Dipartimento di Prevenzione, in collaborazione con il Comando NAS di Pescara, hanno operato già dal 2 giugno provvedendo alla raccolta delle matrici alimentari somministrate nella mensa dei plessi scolastici interessati, al fine di inviare i reperti ai Servizi di analisi dell'Istituto Zooprofilattico di Teramo per le opportune indagini sugli alimenti.

E' salito a 180 il numero delle persone intossicate in una mensa scolastica a Pescara. La procura di Pescara ha aperto un'inchiesta. Coinvolte sono sei o sette scuole della città con bambini residenti n zone diverse del capoluogo adriatico.

Secondo quanto riferito dalla Asl, il batterio è stato individuato grazie alle analisi eseguite sui campioni prelevati sui primi bambini ricoverati in ospedale lo scorso venerdì. Circa 150 sono arrivate al pronto soccorso di Pescara e sono 23 i bambini al momento ricoverati nel reparto di Pediatria. Successivamente la terapia antibiotica adottata ha mostrato la sua efficacia su questo tipo di batterio.

Il Campylobacter è una delle malattie batteriche goatrointestinali più diffuse in tutto il mondo, il suo tasso di incidenza, in alcuni Paesi europei ha superato quello della salmonellosi. I sintomi sono solitamente leggeri o moderati e consistono in diarrea, dolori addominali, febbre, mal di testa, nausea e vomito. Inoltre, fa notare l'azienda, "l'infezione da Campylobacter è associata prevalentemente al consumo di acqua o latte contaminati, alimenti consumati crudi e, occasionalmente, carne di pollo".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.