Ilva, Bonelli: "Costa non conosce la situazione di Taranto"

Share

Ilva, Bonelli:

In merito alla posizione del Ministero dell'Ambiente, aggiungono: "In questi anni ha rilevato sistematicamente le numerose inadempienze dell'Autorizzazione Integrata Ambientale dell'Ilva e dall'altro è rimasto silente mentre la stessa AIA veniva prorogata di sei mesi in sei mesi, ignorando del tutto le risultanze scientifiche sul danno alla salute e all'ambiente a Taranto e provincia. Le altre scelte che afferiscono all'economia invece toccano ad altri ministeri". Perché il Pd era determinato nel non concedermi questo spostamento: dicevano che è solo un tubo - ha ricordato il governatore - ma proprio perché è solo un tubo era facile da fare 30 chilometri più a Nord. Rispondendo alla domanda se ci sia unità sul futuro di Ilva tra Lega e M5S, il ministro ha risposto: "Il governo ragiona con una sola penna". A me interessa che il sistema ambiente funzioni, che il livello di tutela ambientale del cittadino e del territorio venga soddisfatto.

Bonelli (Verdi), Costa non conosce situazione Taranto. "La città di Taranto - prosegue Bonelli -, è così ben tenuta da punto di vista ambientale, che il precedente governo - con il quale noi abbiamo dissentito su tutto rispetto all'Ilva - ha dovuto approvare una norma che garantisce ai proprietari e agli acquirenti successivi l'immunità penale in caso di violazione della legislazione ambientale e sanitaria". Parallelamente si apra un tavolo con il mondo dell'indotto, con le istituzioni locali, con la proprietà e i sindacati, per valutare ogni possibile strategia utile a ridisegnare un'economia tarantina che sino a oggi è stata legata a doppia mandata all'acciaieria, che come ben capiamo non potrà più rappresentare l'unico cuore produttivo. Conosco perfettamente la situazione: noi pretendiamo, e pretenderemo, che fin da subito siano rispettate le prescrizioni ambientali per rendere immediatamente Taranto migliore, consapevoli che la strada verso la soluzione definitiva del problema va programmata con l'arresto delle contaminazioni ambientali. Lo ha scritto su Facebook il ministro dell'Ambiente, Sergio Costa.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.