Gp Canada, Whiting: "Bandiera a schacchi in anticipo? Errore da non ripetere"

Share

Gp Canada, Whiting:

"E' stato spiacevole ma si è trattato di un semplice errore di comunicazione".

FERRARI RULES Che vittoria per la Ferrari di Vettel al GP del Canada, una vittoria di forza sulla Mercedes AMG di Bottas che nulla ha potuto contro il pilota tedesco del Cavallino Rampante. Per fortuna l'errore non ha avuto nessun impatto sul risultato di gara.

Tornando alla questione canadese, fortunatamente l'errore di fine gara non ha modificato la classifica finale, ma il rischio è stato forte perché sia Bottas e Verstappen sia Ricciardo e Hamilton erano in lotta ravvicinata per la posizione (e più indietro anche Gasly e Grosjean).

"La bandiera a scacchi è stata mostrata con un giro d'anticipo a causa di un malinteso con;il ragazzo che gestiva la partenza e l'arrivo", ha dichiarato Charlie Whiting ai microfoni di AutoSport. "Pensava fosse l'ultimo giro, ha chiesto alla direzione di gara la conferma e loro l'hanno data".

A sventolare la bandiera che segnalava la fine delle ostilità in un Gran Premio c'era la modella Winnie Harlow che, su spinta del commissario che le era vicino, ha eseguito l'ordine scatenando l'ironia dei piloti. "Ai team principal che sul momento mi hanno chiesto spiegazioni sul da farsi, ho consigliato di completare regolarmente la gara per essere sicuri".

"Se per qualsiasi ragione il segnale di termine corsa viene dato prima della realizzazione da parte della vettura di testa di tutte le tornate previste, il GP è considerato concluso dopo il passaggio sulla linea d'arrivo del leader nella tornata antecedente all'esposizione della bandiera", si legge. Whiting aggiunge però anche un'altra cosa: "Penso che le persone che non lavorano in Formula 1 a volte siano confuse dal grafico che vedono sullo schermo, dove dice 69 su 70".

Bandiera a scacchi al giro 69 e non al 70. "Hai a che fare con moltissime persone, paesi diversi, ;lingue diverse e non sempre va tutto liscio come l'olio".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.