Fnomceo: bene un medico al Ministero della Salute

Share

Fnomceo: bene un medico al Ministero della Salute

Il contratto stipulato dal governo del cambiamento tra Lega e 5 stelle prevede degli spunti per risolvere la questione e si prevedono delle nuove leggi che riescano a calmare gli animi di coloro che non hanno intenzione di accettare questi vaccini obbligatori.

Nel 2008 è stata candidata per la lista Amici di Beppe Grillo con Sonia Alfano Presidente alle elezioni regionali della Sicilia, quando è stato eletto il leader della coalizione di centro-destra Raffaele Lombardo e Giulia Grillo non è riuscita a entrare in Consiglio regionale.

Sicuramente Giulia Grillo sarà un ministro che difficilmente sceglierà la strada della continuità con la guida precedente.

Nel 2013 entra a Montecitorio con il Movimento 5 Stelle e siede in Commissione Affari sociali per tutta la legislatura.

Oggi è capogruppo alla Camera per il M5s.

Commenti alla nomina anche dal segretario nazionale del Codacons Francesco Tanasi: "Auguri di buon lavoro al nuovo ministro della Salute, la catanese Giulia Grillo per l'importante incarico che le è stato assegnato". Se di queste la Buongiorno, eletta tra le fila di Salvini, è senza dubbio la più nota al grande pubblico per aver difeso con successo nelle aule dei tribunali Giulio Andreotti e per essere la fondatrice insieme a Michelle Hunziker dell'associazione Doppia difesa, associazione a tutela dei diritti delle donne, Giulia Grillo, fedelissima di Luigi Di Maio guiderà un ministero delicatissimo e che riguarda la stragrande maggioranza degli italiani: quello della Salute. Si ripresenta nel 2018 all'uninominale alla Camera, al collegio di Acireale, e viene rieletta. Una crescita costante, fino alla carica (a rotazione) di capogruppo, giunta nel settembre 2016.

Salita al governo ha esposto il suo pensiero riguardo il decreto Lorenzin che obbliga a vaccinare i propri figli. Si diceva in sostanza favorevole alla "raccomandazione" e non all'obbligatorietà e scriveva a tal proposito: "Raccomandazione significa aumentare l'adesione consapevole della popolazione alle vaccinazioni, attraverso campagne di vaccinazione ed efficaci programmi di comunicazione tra medici e genitori, in modo da sviluppare un senso più alto di partecipazione dell'individuo alla gestione della salute pubblica". Nel corso della scorsa legislatura, inoltre, si è battuta per garantire l'erogazione dei servizi sanitari entro i limiti massimi stabiliti e per rendere più organizzato e tracciabile il sistema delle prenotazioni delle visite, accorciando contestualmente le liste d'attesa.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.