Fabio Cannavaro: "Il no ad Hamsik lo dico per Napoli"


Fabio Cannavaro: "Il no ad Hamsik lo dico per Napoli"

Share

Fabio Cannavaro:

Il Pallone d'Oro 2006, poi, si esprime in questi termini su Balotelli, che è tornato a vestirsi d'azzurro 4 anni dopo il fallimento dei Mondiali brasiliani: "Senz'altro può essere un leader". Il club ha messo a disposizione di Hamsik uno stipendio faraonico - tra i 12 e i 13 milioni netti a stagione - ma non vuol spenderne trenta (che poi sarebbero sessanta con la tassa sul lusso) per il cartellino. Parola di Fabio Cannavaro: "Grande giocatore e grandissima persona". Ragazzo straordinario, nel pieno della maturità. Parliamo di un giocatore di assoluto livello, è normale che sia stato proposto. Ho avuto modo di chiacchierare con Venglos, il procuratore, ma ripeto: "lui è il capitano del Napoli, non sarò quello che lo porta via" le dichiarazioni al Corriere dello Sport. Ne ho anche parlato, in epoca non sospetta, con mio fratello Paolo (suo collaboratore in Cina, ndr): non prenderemmo mai un calciatore al Napoli per non rappresentare un elemento di disturbo. "Parliamo della nostra squadra, quella della nostra città".

"Calcisticamente, in un campionato in assoluta fase evolutiva".

Un aneddoto si può svelare oggi che il caso è prescritto. Mi ha fatto crescere, mi ha fatto passare dalla marcatura a uomo alla difesa a zona e mi ha sistemato al fianco di Thuram. Ma prima, all'inizio, non mi vedeva o diciamo che non mi faceva giocare, mi spostava a destra o anche a sinistra. Ma è stato un periodo brevissimo e iniziale. "Il salto di qualità, e senza offesa per Sarri di cui Carletto sfrutterà il lavoro, si percepirà.".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.