Ecco l'ultima novità che riguarda gli aggiornamenti di Telegram


Ecco l'ultima novità che riguarda gli aggiornamenti di Telegram

Share

Ecco l'ultima novità che riguarda gli aggiornamenti di Telegram

L'amministratore delegato di Telegram Pavel Durov ha annunciato la svolta su Twitter, ringraziando Apple e il CEO Tim Cook per aver approvato e reso disponibile l'ultima versione di Telegram "per milioni di utenti, nonostante le recenti battute d'arresto".

"Apple ha impedito a Telegram di aggiornare le sue app iOS in tutto il mondo da quando le autorità russe hanno ordinato a Apple di rimuovere Telegram dall'App Store".

Se il blocco di Telegram per gli aggiornamenti fosse diventato permanente, Telegram sarebbe diventata una app pericolosa: i nuovi difetti di sicurezza, non sarebbero stati corretti, in mancanza di un aggiornamento e più passava il tempo più l'app sarebbe diventata rischiosa, per via dei continui aggiornamenti necessari per mantenere eun buon livello di scirezza. Presente sull'iPhone 6 e i modelli successivi, finora è stato usato da Apple principalmente per l'Apple Pay, cioè per fare pagamenti avvicinando il melafonino alla cassa, senza bisogno di tirar fuori dal portafoglio i contanti o la carta di credito. Non è stato possibile scaricarla nemmeno con l'ultimissima versione del sistema operativo, la 11.4, ma addirittura dall'Apple Store non è neanche più possibile scaricare la versione Telegram X. Le autorità russe hanno preso di mira l'app per aver rifiutato di consegnare le chiavi di decifrazione che avrebbero consentito loro di leggere i messaggi degli utenti, apparentemente come parte delle loro misure anti-terrorismo.

Dopo la decisione della Russia di bloccare il servizio di messaggistica, sono nati raduni di protesta a Mosca e i manifestanti hanno definito questa decisione una censura di Internet nattirando migliaia di manifestanti.

In Cina, Apple ha recentemente bandito le applicazioni di Virtual Private Network e rimosso il New York Times dal suo mercato digitale.

La scelta di Apple ha spinto il fondatore di Telegram a rilasciare alcune dichiarazioni.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.