Diritti tv Serie A, approvati i pacchetti, si vende per prodotto

Share

Diritti tv Serie A, approvati i pacchetti, si vende per prodotto

Gli spagnoli di Mediapro non mollano la presa e dopo la risoluzione del contratto per i diritti tv, votato dall'Assemblea di Lega Serie A il 28 maggio, ha inviato questo pomeriggio alle 17, a quanto apprende l'Adnkronos, una manifestazione d'interesse per le trattative private che la Serie A sta portando avanti. Due le grandi novità introdotte dai presidenti della A che modificheranno le abitudini degli italiani nel vivere il calcio in tv.

Per guardare le dirette in tv o sul web dell'intero campionato di Serie A saranno necessari almeno due abbonamenti diversi, salvo accordi commerciali fra gli operatori licenziatari. Alla luce delle trattative con gli operatori concluse in mattinata, i club hanno puntato sulla vendita per prodotto. Un provvedimento che mette seriamente a rischio la sopravvivenza di una trasmissione popolare come 90° minuto.

La presenza di Tim e Italia Way accanto a quella di Sky, Mediaset e Perform ricompone così totalmente la pattuglia dei soggetti che si erano presentati a gennaio con offerte vincolanti nell'asta riservata agli operatori della comunicazione, avvenuta prima di quella per gli intermediari in cui prevalse Mediapro: in quell'occasione i cinque pretendenti misero sul tavolo complessivamente meno di 800 milioni l'anno, una cifra lontana dalla base d'asta fissata in quella occasione di 1,05 miliardi annui. Le società della massima serie hanno dato il via libera per una vendita per prodotto anziché per piattaforma. L'ultimo pacchetto dello schema per prodotto consentirà di trasmettere 114 gare corrispondenti a tre partite a giornata: la partita delle 20,30 del sabato, quella delle 12,30 di domenica e una di quelle alle 15,00 sempre di domenica. E certamente, un altro cambiamento epocale, si profila per i gol in chiaro: non potranno essere trasmessi prima delle 22 di domenica. Questo pacchetto non esclusivo sarà in vendita entro giugno, come quello per gli highlights destinati al web, da trasmettere 3 ore dopo la fine della partita.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.