Vaccini, Torino: scatta il divieto di frequenza per 4 bambini

Share

Vaccini, Torino: scatta il divieto di frequenza per 4 bambini

Il divieto è scattato anche nei confronti di due famiglie residenti a Collegno, in provincia di Torino.

Per le due famiglie - secondo quanto riporta Repubblica Torino - il procedimento è iniziato lo scorso 4 aprile, quando la dirigente ha inviato le lettere di sollecito a mezzo raccomandata.

In Val D'Aosta otto bambini non in regola ammessi scuola - Scaduti i termini per l'adempimento dell'obbligo vaccinale, in Valle d'Aosta otto bambini non in regola con le norme nazionali sono stati ugualmente ammessi a scuola; di questi sette negli asili nido e uno nella scuola dell'infanzia. Non c'erano però né una prenotazione, né un appuntamento all'Asl per far vaccinare il bambino. "È davvero un peccato a questo punto dell'anno è alle famiglie ho detto che i bambini potranno ovviamente partecipare alla festa di classe che è aperta alle famiglie per vedere i loro compagni". L'assessore comunale alle politiche educative della cittadina Matteo Cavallone rende noto il fatto, ricordando come il rispetto della legge non sia solo una questione politica.

"Lo impone la legge - spiega la preside, Elena Cappai - e sino a quando non riceverò i documenti che attestano l'avvenuta messa in regola, non potrò fare altrimenti". La scorsa settimana il Comune di Torino ha inviato l'ultima comunicazione alle famiglie delle scuole comunali, per le quali dovrebbero scattare gli allontanamenti dopo dieci giorni dal momento di ricezione della comunicazione. E' successo a due bimbi torinesi di 5 anni, che, questa mattina, non hanno potuto recarsi negli asili Keller e Kandinskij del quartiere Mirafiori (entrambi fanno parte dell'istituto comprensivo Sidoli).

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.