L'addio al tennis di Roberta Vinci: out contro Krunic

Share

L'addio al tennis di Roberta Vinci: out contro Krunic

Solo allora capirò le vere sensazioni che il ritiro mi darà. Era arrivato il momento di guardarsi dentro e di prendere delle decisioni": "spiega una delle stella del tennis azzurro. Del resto l'età avanza: "si fa fatica ad allenarsi, a trovare nuovi stimoli e il recupero dalla fatica diventa sempre più lungo". "Sono stati anni splendidi, grazie di avermi sostenuto". Ultimi mesi da dimenticare, con la testa forse già fuori dal circo rosa. I commenti non devono necessariamente rispettare la visione editoriale de Il Sole 24 ORE ma la redazione si riserva il diritto di non pubblicare interventi che per stile, linguaggio e toni possano essere considerati non idonei allo spirito della discussione, contrari al buon gusto ed in grado di offendere la sensibilità degli altri utenti. Purtroppo è la resa per Roberta, perchè prima perde a zero l'ottavo game e poi nel nono Roberta annulla prima due match point, ma al terzo sbaglia il dritto e così finisce la partita. "La vittoria contro Serena in semifinale agli Us Open", ha detto la Vinci. Era il 2015 quando la pugliese riuscì a distruggere il sogno Grand Slam di quella che è la giocatrice più forte di sempre. "Voglio trascorrere più tempo a Taranto, la città dove sono nata e cresciuta, con la mia famiglia, e riuscire a godermi il mio nipotino che è nato da poco". A prescindere dal risultato ho deciso di chiudere a Roma per salutare e ringraziare tutti quelli che in questi anni hanno tifato per me. Stamattina mi sono allenata con Camilla Rosatello, che qui ha conquistato la wild card per il main draw (vincendo le pre-qualificazioni, ndr): gioca molto bene e può migliorare ancora. Certo è che se da piccola mi avessero detto che avrei raggiunto i risultati che ho ottenuto non ci avrei creduto.

La Krunic però non ci sta e recita alla perfezione lo scomodo ruolo di "carnefice" tennistica dell'azzurra infila un parziale di 12 punti a 2 e cala il sipario sulla carriera gloriosa di Roberta. Felice di aver lasciato un segno indelebile nella storia del tennis italiano. Poi i ringraziamenti: "Quello che posso dire è soltanto grazie. Non so, ma comunque resterò nel mondo del tennis".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.