La madre di Giulio Regeni ha iniziato uno sciopero della fame

Share

La madre di Giulio Regeni ha iniziato uno sciopero della fame

Nel tira e molla di arresti, minacce e tensioni da parte delle autorità egiziane, la madre di Giulio Regeni, Paola, insieme con il legale della famiglia Alessandra Ballerini, mette in gioco se stessa per protestare contro il fermo di Amal Fathy. Su di lei gravano due capi d'accusa: terrorismo e utilizzo di internet per diffondere false ideologie e false notizie danneggiando la sicurezza del paese. Al fianco della signora Paola c'è Alessandra Ballerini, legale della famiglia.

"Lunedì inizieremo un digiuno a staffetta chiedendo la sua liberazione immediata - annunciano Paola Regeni e l'avvocato Ballerini -". "Nessuno deve piu' pagare per la nostra legittima richiesta di verita' sulla scomparsa, le torture e l'uccisione di Giulio. Noi siamo la loro speranza", ha affermato. Amal e' stata arrestata a pochi giorni dal viaggio al Cairo di martedi' del sostituto procuratore della procura di Roma, Sergio Colaiocco, che da due anni e mezzo sta seguendo il caso.

Sembra che a fare irruzione nella casa di Lofty sia stata la National Security. Se il problema sono i video di quelle telecamere se li tengano. Il suo cellulare ha segnato l'ultima presenza del giovane nella stazione metropolitana di Dokki ed è da lì che a breve inizieranno le operazioni tecniche per il recupero dei video registrati il 25 gennaio del 2016 dalle telecamere a circuito chiuso.

Oggi ha fatto loro eco Erasmo Palazzotto di Liberi e Uguali, chiedendo di "sapere dal premier Gentiloni e dal ministro degli Esteri Alfano quali iniziative ufficiali abbia assunto in queste ore l'Italia affinchè venga restituita la libertà" ad Amal, auspicando "un pò di coraggio civile". La Procura Generale del Cairo intanto ha deciso di approfondire le indagini sui nove funzionari della National Security che, secondo la ricostruzione della procura di Roma, hanno avuto un ruolo sicuramente nel sequestro di Giulio e nei depistaggi avvenuti dopo il suo assassinio.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.