Kia Sportage, il SUV ora è anche ibrido "leggero"

Share

Kia Sportage, il SUV ora è anche ibrido

Denominato Ecodynamics+, il sistema mild-hybrid non solo equipaggerà la Kia Sportage entro la fine del 2018 e la nuova Ceed nel corso del 2019 ma, essendo pienamente compatibile con le piattaforme attuali grazie agli ingombri ridotti, ne verrà prodotta anche una variante benzina dove il motore elettrico a 48 Volt affiancherà questa volta un motore termico per l'appunto alimentato a benzina. Il modello di maggior successo della gamma Kia, lo Sportage, sarà il primo ad adottare la nuova tecnologia Mild Hybrid a 48 Volt.

Si chiama EcoDynamic+ ed è il nuovo sistema di alimentazione ibrida messo a punto dalla Kia.

Con l'introduzione del sistema Mild Hybrid a 48 Volt, Kia diventa il primo produttore a offrire sul mercato una gamma ibrida, Plug-in ibrida, Mild-Hybrid ed elettrica. I 16 nuovi modelli in arrivo entro il 2025 saranno cinque ibridi, cinque ibridi Plug-in e cinque elettrici. In questi casi il sistema MHSG provvede a riavviare il motore appena il guidatore preme di nuovo il pedale dell'acceleratore, contribuendo così a efficientare ulteriormente la guida in tutti quei casi in cui non è richiesta la massima potenza. In particolare questa soluzione consente a Kia di offrire motori diesel più puliti ed efficienti, oltre che più piacevoli da utilizzare.

In tutto ciò le emissioni di CO2 diminuiscono fino al 4% secondo i nuovi test WLTP (Worldwide Harmonized Light Vehicles Test Procedure). A contribuire all'abbattimento delle emissioni saranno anche i nuovi filtri SCR, che assicurano il completo rispetto dei parametri della normativa Euro 6. Può, inoltre, funzionare da generatore nelle fasi di frenata o rigenerazione così da recuperare dall'albero motore l'energia in frenata e in rilascio e inviarla alla batteria al litio da 0,46 kWh. Fornisce coppia al propulsore quando agisce da starter mentre trasforma in potenza elettrica l'energia del motore quando opera in modalità generatore. Il motore elettrico, infatti, è in grado di fornire al motore diesel fino a 10 kW di potenza nelle fasi di accelerazione, ripresa o ripartenza. Il sistema è controllato da una sofisticata centralina elettronica (ECU), che monitora costantemente gli stili di guida regolando i flussi di energia in funzione del livello di carica della batteria, con l'obiettivo di fornire sempre il massimo livello di efficienza possibile.

Compatto, facilmente integrabile e tecnologico. La batteria da 48 Volt trova infatti spazio, a seconda della tipologia del veicolo, sotto il piano del bagagliaio. In futuro verrà proposto anche su alcuni modelli della gamma benzina.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.