Interessi ridotti per le cartelle esattoriali

Share

Interessi ridotti per le cartelle esattoriali

Il servizio predisposto dal Fisco "Fai D.A. te", dove D.A. sta per definizione agevolata, rappresenta una corsia preferenziale, serve a risparmiare tempo e avere comunque a disposizione, in modo semplice, tutti gli strumenti utili per aderire alla rottamazione delle cartelle. A tal fine, è bene ricordare che i contribuenti dovrebbero aver ricevuto per posta ordinaria la comunicazione da parte di Agenzia entrate-Riscossione in cui sono riepilogati i carichi affidati entro il 30 settembre 2017 dagli enti creditori per i quali non risulta ancora notificata la relativa cartella.

Il cittadino che voglia accedere alla Rottamazione bis, deve presentare domanda entro e non oltre il termine del 15 maggio 2018. Sono invece riammessi i debitori che hanno in corso un piano di rateizzazione e che erano stati esclusi dalla precedente rottamazione perché morosi rispetto al pagamento delle rate.

Per chi non volesse usufruire del form online esistono delle modalità alternative per presentare domanda di adesione alla Definizione agevolata 2000/17.

Ma anche chi si è visto rigettare l'istanza in quanto non in regola con il pagamento delle rate con scadenza al 31 dicembre 2016, può aderire alla nuova rottamazione cartelle presentando l'apposita domanda per via telematica all'agente della riscossione entro il 15 maggio 2018.

La sezione successiva presente nel modulo, riferita all'identificativo del carico, deve essere compilata solo se si vuole aderire alla rottamazione esclusivamente per alcuni dei debiti contenuti nelle cartelle di pagamento indicate nel precedente riquadro.

Cartelle esattoriali: tagliati gli interessi di mora al 3,01% dal 15 maggio 2018 Comunicato stampa ufficiale dell'Agenzia delle Entrate del 10 maggio 2018 Cartelle esattoriali: tagliati gli interessi di mora al 3,01% dal 15 maggio 2018 Provvedimento dell'Agenzia delle Entrate del 10 maggio 2018 in materia di interessi di mora sulle cartelle di pagamento Cartella esattoriale: novità sugli interessi di mora.

Il successo che ha ottenuto la rottamazione del 2017, ha fatto sì che la stessa venisse ad essere riconfermata, con alcune novità, nel 2018 con il nome di Rottamazione bis.

- IL FISCO SCRIVE, POI SI PAGA: L'Agenzia Riscossione risponderà, a seconda della tipologia della sanatoria, entro giugno o a settembre, fornendo anche il bollettino dei pagamenti Nel primo caso si può pagare a luglio, in unica soluzione, oppure in 5 rate pari ciascuna al 20% del dovuto nei mesi di luglio, settembre, ottobre, novembre 2018 e febbraio 2019. Ma si potrà anche effettuare il pagamento direttamente agli sportelli dell'Agenzia, sul portale web e via App Equiclick (in questi ultimi due casi solo per utenti autenticati). In caso di diniego, invece, il documento conterrà: le specifiche motivazioni, tra quelle previste dalla legge, che non rendono "rottamabile" il debito (cartella/avviso) indicato dal contribuente nella domanda di adesione. "Al 26 aprile scorso, le richieste depositate sono state circa 455mila di cui la metà attraverso i servizi digitali e la posta elettronica certificata, mentre il resto dei contribuenti ha scelto uno dei 200 sportelli di Agenzia delle entrate - Riscossione".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.