Ilva, sindacati in fermento. Sciopero in vista. Emiliano: "Lo sosterremo"

Share

Ilva, sindacati in fermento. Sciopero in vista. Emiliano:

Roma, 14 mag. (askanews) - "In caso di sciopero Ilva la Regione Puglia parteciperà assieme a tutti i lavoratori ed ai loro sindacati". Gli operai hanno dato il via alle assemblee di fabbrica e il 26 maggio potrebbero incrociare le braccia, organizzando anche una manifestazione cittadina, contro il Piano proposto dal governo e che nei giorni scorsi è stato bocciato dai sindacati. I restanti sarebbero così ripartiti: 2300 da destinare all'amministrazione straordinaria per le bonifiche del sito di Taranto mentre gli altri 1500 sarebbero andati a rotazione in cassa integrazione nell'organico di una newco, "La Società per Taranto", nata dalla vecchia Ilva e da Invitalia, società di investimenti del ministero dell'Economia a cui sarebbero state assegnate da Mittal le attività da esternalizzare fino a giugno 2021 con l'impegno, però, del Mise a garantire l'occupazione a tempo indeterminato entro il 2023. Lo scrive su Fb il governatore pugliese, Michele Emiliano. "Ora senza alcun problema e con un'indecente rapidità hanno cambiato idea e si ritrovano a sostenere quello che i governi precedenti hanno fatto." lo dichiara Angelo Bonelli già coportavoce nazionale dei Verdi che aggiunge.

Tuttavia "la trattativa", precisa il segretario generale della Uilm, Rocco Palombella, deve "ripartire da basi diverse: dire di no ai 4.000 esuberi e no alla riduzione salariale". I sindacati stanno informando i lavoratori sullo stato della vertenza dopo la sospensione del tavolo di trattativa per la cessione dell'azienda.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.