Facebook, Zuckerberg a Bruxelles su scandalo dati, ma a porte chiuse


Facebook, Zuckerberg a Bruxelles su scandalo dati, ma a porte chiuse

Share

Facebook, Zuckerberg a Bruxelles su scandalo dati, ma a porte chiuse

Lo riferiscono fonti europee.

Zuckerberg ha così accolto la richiesta di Bruxelles di riferire in aula a seguito del maxi-scandalo che vede Facebook, di cui è fondatore, aver ceduto milioni di profili alla società di consulenza Cambridge Analytica, anche quando negli Usa a supervisionare la raccolta dei dati degli elettori per la stessa azienda era lo stratega della campagna elettorale di Donald Trump, quello Steve Bannon oggi inciampato nel Russiagate. E' notizia di qualche ora fa che l'amministratore delegato della compagnia, Mark Zuckerberg, ha accettato di incontrare i membri del Parlamento Europeo a porte chiuse per rispondere alle domande sul caso Cambridge Analytica. Lo ha annunciato lo stesso Tajani, esprimendo "apprezzamento" per il fatto che Zuckerberg "abbia deciso di presentarsi di persona davanti ai rappresentanti di 500 milioni di europei: è un passo nella giusta direzione per ristabilire la fiducia".

"I nostri cittadini - osserva Tajani - meritano una completa e dettagliata spiegazione".

Si terrà nel pomeriggio di martedì prossimo 22 maggio a Bruxelles l'incontro tra il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg e i componenti della Conferenza dei presidenti dell'Eurocamera.

L'accento sarà messo, in particolare, sul potenziale impatto su alcuni processi elettorali in Europa."La priorità del Parlamento - rileva ancora Tajani - è garantire il corretto funzionamento del mercato digitale, con un'elevata protezione dei dati personali, regole efficaci sui diritti d'autore e la tutela dei diritti dei consumatori". Tajani sottolinea nuovamente la linea sulla quale per lungo tempo Facebook ha viaggiato come un funambolo "I giganti della rete devono essere responsabili dei contenuti che pubblicano, comprese le notizie palesemente false e i contenuti illegali". "La liberta' deve sempre essere accompagnata dalla responsabilità".

Nella serata di ieri è stato comunicato dalla presidenza francese che il 23 maggio Emmanuel Macron riceverà all'Eliseo Mark Zuckerberg, e con lui una cinquantina di capi delle principali imprese del web, investitori e intellettuali.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.