Embraco, salvi tutti i posti di lavoro con stessi diritti e retribuzioni

Share

Embraco, salvi tutti i posti di lavoro con stessi diritti e retribuzioni

"Oggi al ministero dello Sviluppo economico è stato compiuto un significativo passo in avanti, entrando nel merito delle soluzioni operative che riguardano il piano di re-industrializzazione del sito produttivo di Riva di Chieri".

Non è annunciato, invece, il ministro Carlo Calenda, che pure si è battuto tanto per salvare i livelli occupazionali negli scorsi mesi, dando via a un fondo antidelocalizzazione con dotazione iniziale di 200 milioni di euro. Soddisfatto il Ministro, che come riporta La Repubblica ha confessato: "Sono state presentate ai sindacati le due società che faranno l'investimento nell'ex Embraco, riprendendo tutti i lavoratori con gli stessi diritti e le stesse retribuzioni senza nessun supporto di denaro pubblico". Molto convincente l'idea dell'azienda straniera, che vuole assumere 350 dipendenti: "Si tratta di un'operazione buona, andata a buon fine - ha aggiunto Calenda - certamente bisognerà stare attenti e vedere che le cose funzioneranno nel modo descritto".

Per i lavoratori di Embraco il calvario dovrebbe essere finito.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.