Con Volvo camion e automobili comunicano nel traffico

Share

Con Volvo camion e automobili comunicano nel traffico

Con l'estensione delle tecnologie V2V su più veicoli in circolazione attraverso la partnership di aziende partner, fra l'altro, è possibile uniformare la trasmissione dati in cloud, anziché affidarsi ad altri tipi di connettività, come ad esempio il WLAN. La collaborazione con Volvo Trucks costituisce il primo passo verso la creazione di una massa critica di veicoli connessi che potrebbe avere un impatto significativo sulla sicurezza del traffico nel suo complesso.

Diverse case automobilistiche sono attive nello sviluppo delle tecnologie di connessione fra veicoli e fra veicoli e ambiente (V2V e V2X). "Più sono i veicoli che condividono all'istante i dati sulla sicurezza, maggiore è il livello di sicurezza delle nostre strade", ha spiegato Malin Ekholm, Vice President del Centro di Sicurezza Volvo Cars. "Connected Safety segna l'inizio di una nuova fase nel nostro impegno per promuovere una guida sicura e prevenire gli incidenti", afferma Emanuele Piga, Director Customer Solutions & New Services Development di Volvo Trucks Volvo Trucks inizierà a introdurre Connected Safety sui nuovi veicoli destinati al mercato svedese e norvegese, dove sia Volvo Trucks che Volvo Cars possono contare su un considerevole numero di nuove immatricolazioni ogni anno.

Nel dettaglio, la tecnologia Hazard Light Alert è disponibile in Svezia ed in Norvegia dal 2016: con l'arricchimento dell'engineering ad alcuni modelli - preventivamente selezionati - della flotta Volvo Trucks, sarà quindi possibile ottenere una più ampia copertura, in maniera di ottenere un ulteriore grado di sicurezza stradale. I mezzi impegnati in questo primo test sono equipaggiati con il sistema Volvo di segnalazione dei pericoli (per i camion) o del sistema "Hazard Light Alert" (per le automobili) che avverte il guidatore della presenza di veicoli con luci di emergenza accese lungo il tragitto. Utile per evitare tamponamenti, specialmente se il veicolo in panne è nascosto in un angolo cieco oppure appena dopo una salita. Grazie all'anonimizzazione, alla convalida e all'aggregazione dei dati raccolti e condivisi, l'iniziativa risulta conforme ai requisiti del nuovo Regolamento UE in materia di protezione dei dati personali (GDPR) la cui entrata in vigore in tutta Europa è prevista per quest'anno.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.