Chi è Giampiero Massolo? Il premier terzo che sembra prendere quota

Share

Chi è Giampiero Massolo? Il premier terzo che sembra prendere quota

Leghisti e grillini continuano ad assicurare che il premier non sarà né Luigi Di Maio, né Matteo Salvini. Che però è uno degli argomenti che dividono i due alleati (molto più morbido M5S). "Ci sono tante buone cose da fare.".

Massolo ha un curriculum di tutto rispetto.

Giampiero Massolo è il nuovo "nome terzo" per ricoprire il ruolo di premier in un eventuale governo Lega-Movimento 5 Stelle. Insomma, un nome d'altro profilo e che anche a Berlusconi sarebbe assai gradito.

Sarebbero d'accordo su un programma che preveda una qualche forma di reddito di cittadinanza, di flat tax, di revisione della Fornero e, quanto al presidente del consiglio, punterebbero su Giampiero Massolo, 64 anni. Presidente di Fincantieri, dal 2017 è anche presidente dell'Ispi, Istituto di politica internazionale. Come si legge sul sito di Fincantieri, Massolo nel 1977/78 presta servizio presso la Fiat a Torino, alla direzione per le Relazioni economiche e sociali e successivamente alla Direzione per le questioni comunitarie e gli affari internazionali. Dal 1980 all'82 è stato all'ambasciata presso la Santa Sede, dall'82 all'85 all'ambasciata a Mosca, dall'85 all'88 alla Rappresentanza permanente presso l'Ue a Bruxelles.

Giampiero Massolo, dunque, arrivò a Palazzo Chigi nel 1990 nell'ufficio diplomatico con Giulio Andreotti presidente del Consiglio, tre anni dopo era consigliere diplomatico di Lamberto Dini e subito dopo, con Silvio Berlusconi premier, fu nominato capo della segreteria particolare del capo del governo.

Come anche quello di Elisabetta Belloni, segretaria generale al ministero degli Esteri, un nome comparso già nel totonomi per il "governo neutrale" di Sergio Mattarella. Il 23 dicembre 1997 è nominato Ministro Plenipotenziario. Nel 2007 raggiunse poi l'apice della struttura amministrativa ministeriale diventando segretario generale sempre del dicastero degli Esteri. Dall'aprile 2008 al 31 dicembre 2009 ha svolto altresì la funzione di Rappresentante personale (Sherpa) del presidente del Consiglio dei ministri per il G8 e per il G20 ed è stato tra l'altro responsabile, in tale veste, del coordinamento tematico generale della Presidenza italiana del G8 nel 2009 e della preparazione del Vertice dell'Aquila. Il nome di Bonafede, invece, è in ascesa, ma il grillino potrebbe contendersi il ministero di via Arenula con Giulia Bongiorno, al suo secondo mandato in Parlamento, stavolta in quota Lega.

Per Massolo comunque, se dovesse essere scelto un altro premier, si potrebbero aprire di nuovo le porte della Farnesina questa volta però come ministro, anche se il dicastero degli Esteri in queste ore viene dato ad appannaggio di Luigi Di Maio. Al momento Meloni potrebbe essere accontentata. E ancora, la medaglia olimpica, oggi deputato, Domenico Fioravanti allo Sport; l'oncologo Armando Bertolazzi alla Sanità.

Altra cruciale casella è quella del Tesoro.

Sul fronte Lega, tra i nomi più gettonati quello di Giancarlo Giorgetti, il Richelieu di Salvini: scendono le quotazioni da premier ma salgono quelle che lo vorrebbero al ministero dell'Economia, uno dei dicasteri più complicati sul percorso ad ostacoli dell'accordo Lega-M5S.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.