Assegna un rigore inesistente: arbitro in manette per abuso d'ufficio

Share

Assegna un rigore inesistente: arbitro in manette per abuso d'ufficio

Dopo aver assegnato un rigore inesistente, il 41enne Srdjan Obradovic è stato addirittura arrestato con l'accusa di abuso d'ufficio.

Secondo l'accusa il fischietto serbo avrebbe favorito nettamente e palesemente la squadra di casa dello Spartak, dirigendo la gara in maniera parziale e assegnandole due rigori, uno dei quali del tutto inesistente.

Obradovic, già in passato al centro di polemiche e contestazioni per decisioni discutibili, comparirà domani davanti a un giudice di Novi Sad. Una gara cruciale, dato che le due squadre erano entrambe in corsa per un posto in Europa League. Nonostante le proteste dei giocatori della squadra ospite - il Radnicki di Nis - l'arbitro Srdjan Obradovic ha fischiato il tiro dal dischetto. Per la partitissima di Kiev è stato designato Milorad Mažic, arbitro internazionale di 45 anni che l'anno scorso ha diretto la finale della Confederations Cup tra Cile e Germania e che quest'estate andrà in Russia per abritrare la fase finale della Coppa del Mondo.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.