Varese, rapiscono agente immobiliare che li avrebbe truffati

Share

Varese, rapiscono agente immobiliare che li avrebbe truffati

Una volta lì hanno bloccato i tre sequestratori, due all'esterno del furgone e uno all'interno insieme all'agente immobiliare sequestrato. I tre, un uomo di 58 anni con i figli di 25 e 30 anni, tutti e tre residenti a Saronno, hanno incontrato l'agente immobiliare che, in cambio di una caparra di 450 euro, aveva garantito l'affitto di una abitazione.

Tre persone sono state arrestate e denunciate per rapimento. Al furgone, i militari sono arrivati seguendo la moglie della vittima che aveva avuto l'indicazione dai sequestratori di salire su una Peugeot che l'aspettava fuori dalla stazione ferroviaria di Saronno. E' accaduto ieri mattina a Saronno, nel Varesotto, dove i carabinieri della stazione di Paderno Dugnano (Milano) hanno liberato il 35enne dopo essere stati contattati dalla moglie che aveva ricevuto la richiesta di "riscatto". La donna infatti avrebbe risposto alle telefonate dei sequestratori i quali le avrebbero chiesto 450 euro per liberare il marito.

La rabbia dei tre è immaginabile, la conseguenza inaspettata: visto che l'agente non ha restituito subito la caparra, lo hanno caricato a forza su un furgone.

È stato lo stesso agente immobiliare, una volta ascoltato dagli uomini dell'arma, a spiegare che era stato rapito proprio per quei soldi che non era riuscito a restituire al vecchio cliente.

Alla fine tutti e quattro sono finiti nei guai con la giustizia: i tre rapitori, arrestati in flagranza per sequestro di persona finalizzato all'esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza, sono stati posti agli arresti domiciliari in attesa di comparire dinnanzi al Tribunale di Busto Arsizio. Erano i rapitori che le spiegavano di avere il consorte e di volere 450 euro in contanti, quelli che secondo la loro ricostruzione lui gli avrebbe preso come caparra per un appartamento in realtà già occupato. Infatti il movente che avrebbe spinto padre e figli a sequestrare il 35enne sarebbe stata una presunta truffa architettata dal professionista. Sono ora in corso le indagini per risalire a presunte altre vittime della truffa messa in atto dal 35 enne sequestrato.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.