Usa, Trump: Irruzione in ufficio del mio avvocato è una disgrazia

Share

Usa, Trump: Irruzione in ufficio del mio avvocato è una disgrazia

"Oggi l'ufficio del procuratore degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York ha sottoscritto una serie di mandati di perquisizione e ha sequestrato le comunicazioni privilegiate tra il mio cliente Michael Cohen e i suoi clienti", ha detto in un comunicato l'avvocato del signor Cohen Stephen M Ryan. Secondo l'agenzia Dow Jones anche la residenza di Cohen è stata perquisita. La reazione del capo della Casa Bianca è stata diretta e molto dura con un messaggio sulla sua pagina persona twitter in cui ha parlato di "una situazione indecorosa, un attacco alla nazione, una caccia alle streghe". Molte persone mi dicono che dovrei licenziarlo. Si tratta dello stesso avvocato che ha pagato 130 mila dollari a Stormy Daniels (vero nome, Stephanie Daniels) affinchè non rivelasse nulla della sua relazione con l'attuale presidente Usa. Il raid negli uffici di Cohen, intanto, avvicina le indagini allo Studio ovale.

L'operazione dell'Fbi apre un nuovo fronte nella infinita soap opera del "Russiagate": l'avvocato di Trump è indagato a Manhattan, il genero Jared Kushner è stato interrogato dai procuratori di Brooklyn, l'ex capo della sua campagna per le presidenziali (Paul Manafort) è sotto accusa, il suo ex consigliere per la sicurezza nazionale (Mike Flynn) si è dichiarato colpevole per aver rilasciato informazioni false al Congresso. Il legale è noto, anche, per essere sovente quello che risolve i 'guai' del repubblicano. Secondo indiscrezioni riportate dal Washington Post, Cohen sarebbe indagato per frode bancaria e violazione delle norme per il finanziamento della campagna elettorale.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.