Un super enzima nato per caso

Share

Un super enzima nato per caso

Rivoluzionaria scoperta nella lotta all'inquinamento da plastica. Descritto sulla rivista dell'Accademia delle Scienze degli Stati Uniti (Pnas), il risultato è stato ottenuto da Harry Austin, dell'Università britannica di Portsmouth, e da Gregg Beckham, del Laboratorio Nazionale per le Energie Rinnovabili (Nrel) del Dipartimento per l'Energia degli Stati Uniti. Durante lo studio, però, l'hanno inavvertitamente modificata e così hanno scoperto che la nuova versione della proteina, ribattezzata "Ideonella sakaiensis 201-F6", era molto più efficiente nel "mangiare" la plastica di quella esistente in natura. Secondo gli esperti, il batterio si sarebbe sviluppato di recente in un centro di riciclaggio, poiché le plastiche non sono state inventate che negli anni '40 del secolo scorso. Ogni anno più di otto milioni di tonnellate di plastica finiscono negli oceani di tutto il mondo, suscitando preoccupazioni per la tossicità del derivato del petrolio e il suo impatto sulla salute delle generazioni future e dell'ambiente. L'obiettivo degli scienziati è di eliminarle in modo più efficace. Riesce infatti a digerire la plastica più comune e diffusa ovunque, come la Pet di cui sono fatte le bottiglie di plastica.

E' accaduto per caso: un enzima che esiste in natura è stato modificato per errore in laboratorio, trasformandosi in un alleato per l'ambiente potenzialmente formidabile.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.