Torino, Mazzarri prudente: "Gara spartiacque? Non ho mai parlato di Europa"

Share

Torino, Mazzarri prudente:

Il pareggio di Verona ha rallentato la corsa del Torino all'Europa League, distante sempre cinque punti: "Contro il Chievo - dichiara Walter Mazzarri nella conferenza di vigilia alla sfida contro il Milan - siamo stati sfortunati". Qui dobbiamo migliorare, serve maggior cattiveria. Siamo arrivati ormai alla fase conclusiva del torneo e le squadre non possono più permettersi errori se vogliono centrare i propri obiettivi. "Per riuscire a fare risultato contro una formazione così forte servirà il miglior Belotti".

Prima il Chievo, domani i rossoneri e domenica l'Atalanta: il crocevia dell'Europa granata per ora non prevede turnover.

Mazzarri ha poi parlato di Niang: "Per Niang vale il discorso che valeva per Ljajic, è un valore aggiunto quando va in campo e fa bene". Più comprensivo Mazzarri su Rincon: "Lui è uno di quelli che stanno tirando la carretta da inizio anno, è un giocatore secondo me affidabile, costante, di quelli che serviranno in futuro".

Tutti disponibili in casa granata con il ritorno di Niang e Berenguer, soprattutto il primo può essere il valore aggiunto per il finale di stagione granata. Nono, a soli 3 punti dal Milan, sesto, il Torino ha la grande occasione per rilanciarsi in classifica. Il mercato? Non ho sentito il presidente. "Del mercato ora non parlo, è chiaro che le ambizioni del club passano dal confermare o meno certi giocatori". "Poteva e doveva essere la quarta vittoria". Infine su Iago Falque, apparso stanco nelle ultime uscite: "È il migliore giocatore per rendimento, difficile rinunciare a lui". Ci sta che in qualche partita renda un po' meno. Come spesso accade a chi ha infortuni, ha fatto fatica a trovare continuità.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.