"Sostanze chimiche nel sangue": da autopsia la verità su morte di Nico

Share

Emergono nuovi particolari sulla tragedia di Nicola Marra, il ragazzo morto la notte di Pasqua a Positano, quando cadde in un dirupo dopo aver trascorso la serata in discoteca.

I primi risultati dell'autopsia mostreranno entro sette giorni le cause della morte del giovane. Sino ad oggi si era pensato che Nico aveva assunto grosse quantità di alcool che però non sono state ritrovate nel suo corpo durante l'autopsia o quantomeno non in grosse quantità.

Come racconta Il Mattino, sostanze che meritano ulteriori approfondimenti in merito. Ci sono, dunque, ancora molti punti oscuri che dovranno essere chiariti per far luce su questa vicenda. Insomma, si procede con cautela e con tutte le attenzioni del caso. Il legale della famiglia, l'avvocato Mario Carnielli, nel giorno dei funerali, ha dichiarato: "Lui era un fifone non si sarebbe mai allontanato da solo e con il buio". Un dettaglio, questo, che sarebbe apparso strano anche dopo la visione dei filmati da parte degli investigatori. Necessari per capire di cosa si tratta e quali effetti potrebbero aver avuto sulle condizioni del giovane salernitano. Indagini in un certo senso blindate dalla procura e proprio questo lascerebbe intendere che forse gli inquirenti possano avere altri sospetti. Al momento il reato ipotizzato è di morte come conseguenza di un altro delitto.

Share


© . Tutti i diritti riservati.