Pigliaru: positivo tavolo al Mise con Calenda su Alcoa

Share

Pigliaru: positivo tavolo al Mise con Calenda su Alcoa

"Sarà il primo caso - ha aggiunto - in cui i lavoratori partecipano alla gestione dell'azienda e se lo sono ampiamente meritato". Lo ha detto il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda al termine del tavolo con i sindacati.

"Verrà fatto un aumento di capitale e abbiamo chiesto a Invitalia (società del ministero dell'Economia, ndr) di partecipare con un quota. Il cda di Invitalia dovrà esprimersi". Intanto, in attesa del piano industriale che potrebbe essere presentato proprio il prossimo 3 maggio, lo stesso Calenda ha avuto su Twitter un piccolo scambio di opinioni con Massimo Gibelli, portavoce di Susanna Camusso (Cgil), che ha definito "quantomeno problematica" l'idea di un 5% da destinare ai lavoratori. Sui tempi per la ripartenza degli impianti ancora nessuna data certa, ha aggiunto, visto che "stanno facendo una perizia sui macchinari e ancora non c'è visibilità su quando sarà possibile ripartire. Nel frattempo il nostro impegno è cercare una soluzione col Ministero del Lavoro".

"Oggi al tavolo del ministro Calenda è stata confermata e consolidata una prospettiva molto positiva, la proposta di far entrare Invitalia nel capitale della nuova azienda è un elemento di garanzia che giudichiamo positivamente", è il commento di Francesco Pigliaru, contento anche per la proposta di un "5% di azioni ai lavoratori in forma totalmente gratuita". Così il segretario regionale di Cisl metalmeccanici (Fim), Rino Barca, dopo l'annuncio del ministro Calenda al vertice al Mise con i sindacati. "I lavoratori otterranno una ripartizione degli utili aziendali, quindi economici, in base agli obbiettivi annualmente prefissati". Per il resto, entrambi i sindacalisti auspicano di avere novità il 3 maggio, giorno del prossimo incontro al Mise, soprattutto per quanto riguarda gli ammortizzatori sociali relativi al secondo semestre del 2018.

"Con i sindacati abbiamo convenuto di procedere con attenzione nella selezione della società acquirente, perché si tratta di una scelta irreversibile e va fatta con tutti i parametri necessari " ha detto il ministro dello Sviluppo Carlo Calenda al termine del tavolo. "Ci siamo aggiornati al 3 maggio e contiamo che, almeno nelle linee fondamentali, ci venga presentato il piano industriale".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.