Pericolo salmonella: ritirati 207 milioni di uova

Share

Ricordate quando da bambini mamma e papà vi dicevano di non mangiare le uova crude perché altrimenti correvate il rischio di prendervi la salmonella?

Bene, sappiate che la minaccia era tutt'altro che una leggenda metropolitana.

Nove Stati Americani hanno ritirato, quasi 207 milioni di uova che provenivano da una fattoria del North Carolina; la notizia è stata resa nota dall'associazione Food and Drug Administration (FDA), l'importante ente governativo che si occupa di regolamentazione dei prodotti alimentari.

Stati Uniti, ritirate per salmonella 207 milioni di uova. Le uova potrebbero essere state contaminate con Salmonella Braenderup: un organismo che può causare infezioni gravi, anche fatali, nei bambini piccoli, nelle persone più fragili, negli anziani o in persone con un particolare sistema immunitario debole.

Di solito la salmonella è molto fastidiosa ma non troppo pericolosa. L'infezione del tratto gastrointestinale può provocare febbre, vomito, nausea, diarrea, dolori addominali. Nella maggior parte dei casi la malattia ha un decorso benigno e non richiede l'ospedalizzazione, ma talvolta l'infezione può aggravarsi al punto tale da rendere necessario il ricovero. E' il più grande richiamo di uova a guscio dal 2010.

È stata la Food and Drug Administration (FDA), l'ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari, a diffondere la notizia del rischio corso da numerosi cittadini americani. Le uova sono state richiamate da una delle più grandi aziende del settore, la Rose Acre Farms of Seymour con sede nell'Indiana e avrebbero raggiunto i consumatori in Florida, New York, Pennsylvania, North Carolina, New Jersey, Virginia, Colorado, South Carolina e West Virginia.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.