Pensioni, al via con Intesa Sanpaolo l'Ape volontaria

Share

Pensioni, al via con Intesa Sanpaolo l'Ape volontaria

È così che Intesa Sanpaolo finanzierà le nuove richieste di APE, come previsto dalla Legge di Bilancio, a favore dei lavoratori che hanno compiuto 63 anni e versato almeno 20 anni di contributi. Da oggi lo strumento di flessibilità, introdotto in via sperimentale dalla Legge di Bilancio 2017 e prorogato fino al 2019, è concretamente richiedibile attraverso il sito dell'INPS.

Per inoltrare la domanda, bisognerà prima richiedere all'Inps una certificazione [VIDEO] sul raggiungimento dei requisiti che, al momento, hanno ottenuto 6.684 lavoratori. L'importo mensile viene stabilito dal richiedente in funzione di quella che sarà la sua futura pensione. L'APE prevede una detrazione fiscale fino al 50% della quota interessi e della copertura assicurativa. L'attivazione arriva con l'adesione agli accordi quadro da parte di Banca Intesa SanPaolo e delle Imprese assicurative Unipol e Allianz.

E' il primo istituto a finanziare il prestito. Quest'ultima è obbligatoria e viene prestata da una Compagnia terza tutelando gli eredi in caso di premorienza dell'intestatario. Il costo totale dell'operazione a carico del pensionato dovrebbe oscillare intorno al 5% dell'assegno Inps.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.