M5S non cambia idea: "Mai con Berlusconi"

Share

M5S non cambia idea:

Oggi la Siria viene utilizzata dal centrodestra per fare campagna elettorale sfruttando le incertezze del M5S, così attento a non voler disturbare UE, NATO e UEM da avere in più occasioni ribadito la sua fedeltà senza che nessuno gliela abbia mai chiesta.

Quella di Salvini, ha osservato ancora Di Maio, "è una posizione che non comprendo".

Fi quindi chiede "una dichiarazione formale del M5S di inclusione di tutto il centrodestra per una partecipazione piena da parte di Forza Italia e Berlusconi". Per questo, mentre il Quirinale faceva ufficiosamente sapere di non essere entusiasta di un terzo giro di consultazioni, il centrodestra ha chiesto per sé il pre-incarico forte dei numeri che dicono che insieme Salvini, Berlusconi e Meloni hanno il maggior numero di parlamentari. Da tempo molto esposto nella amministrazione comunale si è guadagnato un posto in prima fila dopo i cinque anni passati da vice sindaco, in cui si è occupato anche di faccende molto spinose come i lavori per la ricostruzione del palazzetto dello sport, riuscendo a guadagnarsi l'appoggio, anche se ancora non ufficiale, della componente di Partito Democratico presente nell'attuale amministrazione. Il leader pentastellato sembra prepararsi il terreno per poi arrivare a dire che chi non vuol fare il governo è Berlusconi perchè non vuol fare un passo indietro. "Per questo chiederemo a Mattarella di dare l'incarico a Salvini". Poi ha cominciato il segretario della Lega: "Abbiamo espresso a Mattarella con grande forza l'unità d'intenti della coalizione che ha vinto le elezioni. Ci attendiamo altrettanta responsabilità dalle altre forze, basta con ritardi, lentezze e veti che gli italiani non possono più permettersi". Ma "prendiamo atto - ha scandito Di Maio - che ancora una volta Salvini e la Lega ci stanno proponendo uno schema di centrodestra che è di ostacolo". "Le parole finali di Berlusconi al Colle non rispecchiano la posizione della Lega".

Nella mattinata si è svolta il secondo turno di consultazioni. Lo dice la capogruppo di Forza Italia alla Camera Mariastella Gelmini, lasciando il vertice di Forza Italia con Silvio Berlusconi a Palazzo Grazioli a Roma.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.