Lutto De Filippo: gonfalone del Comune di Napoli sulla bara

Share

Lutto De Filippo: gonfalone del Comune di Napoli sulla bara

Si tengono oggi, a partire dalle 11.30 alla Chiesa degli Artisti di piazza del Popolo a Roma, i funerali di Luigi De Filippo, ultimo esponente della dinastia napoletana di attori morto il 31 marzo scorso all'età di 87 anni. A salutarlo una folla di amici e colleghi, di amanti del teatro e di sostenitori per cui quell'uomo con il teatro nel sangue era un vero maestro. Poggiati sulla bara la sua inseparabile "coppola" scura e la sciarpa grigia, immancabili "costumi di scena" praticamente dei portafortuna.

La camera ardente era stata allestita nel teatro Parioli di Roma intitolato a suo padre.

Il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, ha rilasciato la seguente dichiarazione: "Con la morte di Luigi De Filippo scompare un simbolo della napoletanità e uno dei principali rappresentanti di un modo di fare teatro che ha accompagnato, segnandola e rappresentandola, la storia del teatro italiano". Vicino una sua splendida foto, un primo piano sorridente.

Luigi rappresentava l'ultimo soffio vitale - ha dichiarato il regista Raffaele Paonessa - di una famiglia che è riuscita a raccontare tutte le sfumature della vita, testimoniando con le commedie, dalle più tragiche a quelle esilaranti, quanto essa sia il dono più prezioso che possiamo ricevere. "Roma lo ringrazia anche per l'impegno di questi anni al Teatro Parioli". "A lei, alla famiglia Tibaldi e alla famiglia De Filippo porgo, pertanto, le più sentite condoglianze anche a nome dell'intera cittadinanza".

"Esprimo il cordoglio mio personale, dell'amministrazione e della città per la fine terrena di Luigi De Filippo, grandissimo attore e regista, uomo di raffinata e profonda cultura".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.