Juventus, Barzagli racconta il 'confronto' coi tifosi: "Una bella cosa"


Juventus, Barzagli racconta il 'confronto' coi tifosi: "Una bella cosa"

Share

Juventus, Barzagli racconta il 'confronto' coi tifosi:

Andrea Barzagli la prima domanda che ti faccio è riferita alla visita dei gruppi organizzati fuori da Vinovo, ti chiedo cosa ne pensi? Sappiamo benissimo l'importanza di questa partita.

Niente animi tesi, dunque: "Io sono uscito e i toni erano molto tranquilli - il racconto di Barzagli - Non ho sentito minacce o contestazioni, i tifosi sono venuti per darci la propria fiducia e per sostenerci tranquillamente".

"Non è successo nulla, non ci sono stati confronti né scazzottate". C'era grande amarezza e anche il giorno dopo abbiamo ripensato a quello che è successo. Ho visto grande spirito da parte di tutti, ho visto grande voglia di centrare un obiettivo che è diventato più difficile ma che ancora dipende da noi perché abbiamo un punto di vantaggio sopra al Napoli. Così scrive il difensore tedesco, che oggi è tornato ad allenarsi a Vinovo col resto della squadra. "Non esagero dicendo che sia stata una delle più brutte prestazioni fatte in casa finora, è mancato tutto". "Può essere stata una giornata no, di conseguenza dobbiamo cancellarla dalla nostra testa".

Parlando della sua condizione fisica Barzagli ha riferito di non essere ancora nella forma ottimale ma che sta lavorando duramente per tornare al massimo nelle ultime quattro partite.

Cambia qualcosa nel preparare adesso la partita contro l'Inter dopo questo risultato, come l'avreste preparata in caso di risultato positivo? Partita decisiva? Sono 4 partite fondamentali.

Quali qualità deve mostrare ora la Juventus? Deve venir fuori l'unione del gruppo, la voglia di vincere che abbiamo avuto in questi anni e che anche quest'anno deve fare la differenza.

Il difensore della Juventus Andrea Barzagli si è espresso sul confronto di ieri tra alcuni giocatori bianconeri e i tifosi, in seguito al k.o. casalingo con il Napoli che rimette in discussione il campionato. Ma chiaramente è una partita che vale tanto, per noi ma anche per l'Inter.

"Mi auguro che possa essere chiunque, anche chi parte dalla panchina, non conta questo, conta quello che hai dentro se vuoi raggiungere l'obbiettivo, sapendo che ci sarà da soffrire tantissimo e sapendo che ci sarà da fare qualcosa in più rispetto al precedente".

Share


© . Tutti i diritti riservati.