Juve-Sampdoria, Marotta: "A Madrid ci voleva buon senso nella chiamata del rigore"

Share

Juve-Sampdoria, Marotta:

Molti gli argomenti toccati dal dirigente bianconero: campionato, Real Madrid, arbitri, Allegri, mercato e. Donnarumma.

"Il rammarico di Madrid non significa rassegnazione. A partire dalla gara con la Sampdoria dobbiamo confermare il dominio che ci siamo conquistati, e che ci deve portare a vincere il settimo scudetto e la finale di Coppa Italia". Le parole di Agnelli dopo la Champions? Aggiungo una riflessione: bisogna uniformare il modo di arbitraggio in Europa, oggi in Fiorentina-Spal abbiamo assistito ad un altro episodio da Var. Bisogna uniformare il modo di arbitrare: in Italia, in Inghilterra e in Europa ci sono tre metodi diversi. Praticamente ogni nazione utilizza un metodo diverso. "Credo serva buon senso anche nelle designazioni".

"Io non posso e non devo credere ad una tesi del genere".

Punto di vista di Cairo che diceva un rigore alla Juve così mai fischiato in Italia? "Non rispondo, è una dichiarazione che non merita una risposta".

ALLEGRI - "Allegri ha detto che deve analizzare le condizioni della società per decidere il suo futuro?" Cerchiamo di ottenere il massimo sempre, sicuramente le sue parole son state sincere ma al di là dell'esternazione pubblica i rapporti con lui sono eccezionali. Infine un ringraziamento a Donnarumma per quella parata decisiva su Milik contro il Napoli: "Ho visto, io sono pacato, un grande gesto tecnico, il degno successore di Buffon, un patrimonio del calcio e della Nazionale, non mi stupisce vederlo parare così, ci ha fatto contenti, contento di un portiere in Italia di questo livello".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.