Industria: febbraio "freddo" per la produzione

Share

Industria: febbraio

Al contrario, le stime dell'Istat hanno evidenziato un ulteriore e inaspettato calo dello 0,5% a febbraio, riducendo così la crescita tendenziale annuale al 2,5%, contro una previsione che la vedeva in crescita del 4,8%. Dopo la caduta dell'1,8% in gennaio, l'indice determinato dall'Istat scende in febbraio a quota 106,6 con una contrazione dello 0,5% su gennaio 2018.

Il quadro preoccupa anche perché, rispetto ai livelli ante-crisi, per la produzione industriale il vuoto da colmare rimane ancora molto importante in quanto il gap si è ridotto, ma è ancora del 17,2%. "E' chiaro che se invece di migliorare, i dati peggiorano, si allungano i tempi per tornare ai valori pre-crisi".

Corretto per gli effetti di calendario, a febbraio 2018 l'indice è aumentato in termini tendenziali del 2,5% (i giorni lavorativi sono stati 20 come a febbraio 2017).

"In termini tendenziali gli indici corretti per gli effetti di calendario registrano, a febbraio 2018, aumenti apprezzabili nei raggruppamenti dei beni strumentali (+3,9%) e dei beni di consumo (+2,5%); più contenuto è l'aumento dell'energia (+1,9%) e dei beni intermedi (+1,2%)".

Le diminuzioni maggiori si registrano per attivita' estrattiva (-4,9%), fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi (-4%) e fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche, altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (-2,6%).

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.