In pensione anche a 71 anni

Share

In pensione anche a 71 anni

Cambiano gli scenari per andare in Pensione nel 2019.

Così si legge nella circolare Inps. Anzitutto, sono ulteriormente incrementati di 5 mesi i requisiti di accesso ai trattamenti pensionistici.

Si tratta del terzo adeguamento alle speranze di vita dall'entrata in vigore della Legge #fornero, e modificherà tutti i requisiti per il conseguimento della pensione sia anticipata che di vecchiaia. La circolare è scaricabile a questo link.

Si precisa, inoltre, che per le donne il limite di età per l'anno 2018, è pari, a 66 anni e 7 mesi e nel 2019, sarà di 67. Pari, rispettivamente, a 2249 settimane e a 2197 settimane di versamenti. L'adeguamento coinvolgerà anche i cd. lavoratori precoci che dovranno raggiungere 41 anni e 5 mesi di contributi (2154 settimane) dai 41 anni tondi attuali.

L'adeguamento alla speranza di vita interesserà le prestazioni previdenziali dei soggetti privi di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995. In alcuni casi il requisito anagrafico per l'accesso alla pensione si alzerà addirittura a 71 anni.

Gli importi vanno da 655 euro per i lavoratori privati con 25 anni o 28 anni come autonomi, fino a 336 euro per redditi tra 1,5 e 2 volte il minimo e 15 anni di contributi alle spalle. Dal 2019 bisognerà avere 41 anni di contributi oppure 66 anni per la prestazione di vecchiaia.

Lo slittamento di 5 mesi riguarderà anche la data di ingresso alla pensione per il comparto difesa e sicurezza. Cerchiamo di capire a chi spetta e quali sono i requisiti richiesti per poterne usufruire. Naturalmente sono soggetti agli adeguamenti anche i lavoratori cd. salvaguardati ma in tal caso la normativa sulla quale applicare i 5 mesi di slittamento è quella che si riferisce all'era pre-Fornero.

Dal 1° gennaio 2019 si applicano i nuovi limiti di età per andare in pensione aumentati degli incrementi della speranza di vita, stabiliti dal decreto 5 dicembre 2017 mentre con effetto dal 2021, la legge n. 205 del 2017 ha previsto la revisione del meccanismo di calcolo dell'adeguamento alla speranza di vita. E ancora, stante quanto riportato dalla circolare INPS di fine marzo 2018, a partire dal 1 gennaio 2019 si aumenta di 0,4 unità i valori di somma di età anagrafica e di anzianità contributiva per coloro che perfezionano il diritto alla pensione di anzianità con il cosiddetto sistema delle quote.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.