Governo, Salvini esclude incontro con Di Maio al Vinitaly

Share

Governo, Salvini esclude incontro con Di Maio al Vinitaly

"In queste situazioni è meglio non pensare e non dire nulla", ha detto Silvio Berlusconi bocciando laconicamente il duro commento di Salvini. "Quando sento i miei compagni di partito dire 'vedrete come combineranno' il Paese penso che siano dei matti furiosi". E che l'altro stia manovrando per continuare a mantenere il pieno controllo del partito e, visti gli sviluppi più recenti, favorirne il rientro nel governo a beneficio del proprio vorace "cerchiomagico". Alla fiera di Verona ci saranno Di Maio e Salvini, Giorgia Meloni e Maria Elisabetta Casellati, oltre a Maurizio Martina. Non nascondendo, ancora una volta, le sue simpatie per Donald Trump, il presidente di Forza Italia si discosta da Salvini. Tutte le distanze e discordie con il suo "alleato" Berlusconi emergono se l'argomento è la Siria. "Ma oggi non c'è spazio per le polemiche, porto solo un omaggio agli imprenditori che resistono". Insomma, su questo punto non si scherza. "Speriamo che il M5S voglia darci una mano". "Pazzesco, fermatevi", ha detto Matteo Salvini su twitter sull'attacco in Siria. Un governo con il Pd? E c'è, infine, chi lavora sottotraccia per dar vita - sulle ceneri di Pd e Fi - a un 'movimento' di centro (sarebbe pronto il nome Avanti) sulla falsariga di 'En Marche' di Emmanuel Macron, sorto dalle macerie del Psf.

"E' complicato ritornare al voto con questa legge elettorale". "Fino a che continueranno gli insulti del mio alleato Berlusconi e del signor Di Battista non se ne esce", sottolinea Salvini. "Voglio che sappiate che il M5s è al lavoro per un governo che dia risposte e chi si ostina a proporre un Centrodestra unito propone una strada non percorribile e che può fare anche danno al Paese".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.