E' morto il sergente di 'Full Metal Jacket'

Share

E' morto il sergente di 'Full Metal Jacket'

Si è spento nella notte in seguito alle conseguenze di una grave polmonite R. Lee Ermey, l'attore nominato ai Golden Globes per il suo ruolo del sergente Hartman nel film di Stanley Kubrick, Full Metal Jacket. La notizia della sua morte è stata data dal manager Bill Rogin su Twitter.

Nato in Kansas, R. Lee Ermey era un ex istruttore dei Marine: si era arruolato perché, dopo numerosi arresti subiti, il giudice gli aveva detto di scegliere tra il carcere o la vita militare. "Ci mancherà moltissimo", scrive.

In un'intervista del 2010 per la rivista "Civilian Marksmanship Program", Ermey ha ricordato di essere stato nella sua giovinezza un "piantagrane e un po' un furfante infernale", finendo anche in tribunale. Il manager Rogin ha raccontato che nonostante fosse spesso chiamato per ruoli di carattere forte e principi ferrei, nella realtà Ermey era un tranquillo padre di quattro figli e un'anima gentile. È stato il sindaco Tilman nel film "Mississippi Burning - Le Radici dell'Odio" del 1988, il capitano di polizia in "Seven" del 1995, il capo ufficio Frank Martin in "Willard il paranoico" del 2003, il sadico sceriffo Hoyt nel remake di "Non aprite quella porta" diretto da Marcus Nispel e ha prestato la sua voce al Sergente, il comandante dei soldatini verdi di plastica nella saga di "Toy Story". Alcune presenze anche nei cartoni animati.

R. Lee Ermey non solo interpretava un membro delle forze armate nei film, ma era anche uno di loro nella vita reale, essendo stato un sergente degli Stati Uniti nel Corpo dei Marines e un sergente d'artiglieria.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.