DIRITTI TV. Il Tribunale di Milano ha sospeso il bando di Mediapro

Share

DIRITTI TV. Il Tribunale di Milano ha sospeso il bando di Mediapro

Il Tribunale civile di Milano ha deciso di accogliere il ricorso d'urgenza presentato da Sky Italia lo scorso marzo, dopo l'assegnazione da parted della Lega di A dell'esclusività di tutti i diritti agli spagnoli di Mediapro per 1,05 miliardi di euro; come conseguenza, il bando pubblicato dall'intermediario iberico a fine aprile viene congelato fino al prossimo 4 maggio, interrompendo ogni tipo di trattativa con i soggetti interessati a discutere l'acquisizione dei vari pacchetti. La sospensiva inevitabilmente provoca lo slittamento ulteriore dei tempi per l'assegnazione dei diritti tv. Con tutta l'organizzazione che slitta e posticipa il da farsi in vista della prossima stagione che - da un punto di vista mediatico - è già alle porte. E' Sky che ha voluto ribadire chiarezza e limpidezza nella gestione di un mercato che porta con sè milioni di euro attraverso le partite di calcio da riprendere e diffondere in Italia e non solo.

Sky Italia prima di lanciare lapropria offerta sui diritti tv del campionato di calcio di SerieA, ha chiesto per vie legali al Tribunale di Milano una verificadell'aderenza del bando di Mediapro alle leggi italiane, allaLegge Melandri e alle recenti indicazioni dell'Autorità dellaconcorrenza, ottenendone la sospensione sino al 4 maggio. Sin dalla pubblicazione del bando erano stati sottolineati due punti critici. Primo: la possibilità di MediaPro di gestire la raccolta pubblicitaria.

Anzi, secondo Repubblica c'è il grosso rischio che il 19 agosto la Serie A parta senza copertura tv: "Vogliamo continuare a garantire agli abbonati un prodotto di qualità, nella piena libertà e autonomia giornalistica e editoriale in un sistema non discriminatorio e di libera concorrenza fra gli operatori" fa sapere Sky. "Il bando di MediaPro per l'assegnazione dei diritti televisivi del campionato di calcio della Serie A solleva così tante perplessità da rendere necessario verificarne la legalita' prima di presentare importanti offerte".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.