De Magistris: "Per cifra congrua potrei cedere il San Paolo"

Share

De Magistris:

Stadio San Paolo, che dovrebbe avere un bel colpo d'occhio, grazie al calo del prezzo dei biglietti, per queste ultime gare casalinghe, per avere un maggior supporto e spingere la squadra all'impresa, che è diventata un po' più difficile. Da qui un valzer infinito di polemiche, con una costante: la minaccia di De Laurentiis di abbandonare l'impianto di Fuorigrotta per costruire uno stadio nuovo in un'altra zona della città, se non proprio in un altro comune.

Gino Zavanella, architetto responsabile di vari progetti per i nuovi stadi italiani, è intervenuto nel corso di Radio Goal su Kiss Kiss Napoli. Ieri, il sindaco De Magistris ha in qualche modo lanciato un segnale in a De Laurentiis, dicendo che un'offerta di almeno 50 milioni lo indurrebbe quantomeno a rivalutare il suo secco no alla cessione. "Napoli - ha affermato il capo delegazione Andayani - sta cambiando e abbiamo grande curiosità per creare collegamenti in primo luogo culturali che sono propedeutici a sviluppi futuri. Ma il sogno scudetto non è ancora svanito del tutto e alla fine potrebbero essere quasi in 50 mila, preziosi alleati di Hamsik e compagni in 90' che somigliano ormai all'ultima prova d'appello, quando mancano appena 8 giornate dalla fine del campionato". Per renderla funzionale e moderna, servirebbe un investimento ulteriore di 80 milioni. Bisogna pensare che la copertura va rifatta, che le parti interne vanno rimodellate. Fare come a Torino, o come stiamo per fare a Bologna avvicinando gli spalti al campo, porterebbe a costi molto importanti. Il Napoli oggi ha una fama mondiale, come ai tempi di Maradona, e meriterebbe uno stadio sicuramente diverso.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.