Atalanta, Gasperini: "Perfetti per 35 minuti, poi siamo calati"

Share

Atalanta, Gasperini:

Va in scena all'Atleti Azzurri d'Italia la sfida tra Atalanta e Inter, valevole per la 32′ giornata di campionato. Potrà partire uno dei due, ma forse entrambi, con Gomez. Globalmente il risultato ci può stare, magari andando in vantaggio noi avrebbe preso un'altra piega ma non si può sapere. Dobbiamo giocare le prossime gare con fiducia e attenzione, da qui in avanti dobbiamo vincere delle partite per centrare l'obiettivo Europa. Finora siamo rimasti sempre in partita, dimostrando solidità e maturità, acquisendo consapevolezza. Mai, in stagione, i ragazzi di Gasperini sono riusciti ad infilare tre vittorie di seguito: dopo i successi con Bologna e Verona è arrivata la sconfitta di Udine, dopo il successo con il Sassuolo in trasferta e la vittoria con il Chievo ecco l'1-1 di Crotone. "L'importante sarà sostituire Petagna".

E allora bisogna che, una volta per tutte, chi di dovere decida se l'Atalanta debba essere una squadra in grado di presentarsi, "a regime", ai nastri di partenza del campionato con le ambizioni da grande, oppure se quanto abbiamo vissuto in questi due anni sia stata semplicemente una situazione estemporanea, un sogno ed ora occorra rientrare nella normalità. "Nel girone di andata sembrava poter lottare per vincerlo, ma Spalletti sta facendo comunque un gran lavoro e può puntare deciso alla qualificazione alla Champions". Quindi, niente filotti che accendono l'autostima e ti permettono di allungare davvero su chi lotta insieme a te per un posto in Europa.

Squadra che convince non si cambia: le assenze potrebbero però portare almeno ad un paio di sostituzioni, per squalifica e infortunio.

L'Atalanta soffre troppo contro le big? Ma a livello di prestazione non siamo mancati nemmeno sul campo della Spal. La prima vera azione la vediamo al minuto 54, triangolo tra Icardi e Perisic, col croato che viene lanciato verso la porta, ma Hateboer chiude bene la diagonale bloccando l'azione.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.