Pi Day: cos'è e perché si festeggia

Share

Pi Day: cos'è e perché si festeggia

Perché festeggiamo il Pi Day? . In matematica il pi greco è il rapporto tra la circonferenza di un cerchio e il suo diametro, ma nella cultura pop il simbolo è arrivato a rappresentare l'ignoto nei suoi termini più ampi.

"Il Pi Greco e' una costante matematica che rientra in moltissime leggi della fisica e ha innumerevoli applicazioni pratiche: e' fondamentale per calcolare le orbite dei satelliti, per prevedere l'andamento dei mercati finanziari e per studiare la propagazione delle onde elettromagnetiche con cui comunicano gli smartphone", spiega Anna Maria Paganoni, docente di statistica al Politecnico di Milano.

La prima celebrazione ufficiale del Pi Day fu organizzata nel 1988 dal fisico Larry Shaw all'Osservatorio di San Francisco, che insieme ai suoi colleghi decisero di festeggiare mangiando una fetta della loro torta preferita in onore del nome del numero. Nella geometria euclidea la somma degli angoli interni di un triangolo misurata in radianti è uguale a Pi greco, invece nelle geometrie non euclidee la stessa somma può variare e questo dimostra che si tratta di una costante matematica, e non di una costante fisica. Sempre nella mattina, si effettuerà la "caccia al tesoro" con il coinvolgimento di squadre di studenti che rispondendo a dei quesiti di matematica e scienze posizionati lungo un percorso di 3,14 chilometri in Ortigia potranno accaparrarsi delle tessere che serviranno per completare lo "stomachion" archimedeo.

Google ha deciso di modificare il proprio logo, con una versione artistica di esso, per rendere omaggio al Pi greco, il 14 marzo 2010 e il 14 marzo 2018.

Volete sapere come ricordare molti dei numeri decimali della famosa costante? Con la frase "Ave, o Roma o Madre gagliarda di latine virtù che tanto luminoso splendore prodiga spargesti con la tua saggezza" è possibile ricordare le prime 19 cifre del numero, associando ad ognuna delle parole il corrispondente numero di lettere che la compongono.

La data è stata scelta dalla combinazione anglosassone di anteporre il mese al giorno: il 3 per indicare marzo e il 14 per indicare il giorno.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.