Nelle piazze d'Italia gardenie e ortensie dell'Aism per sostenere la ricerca

Share

Nelle piazze d'Italia gardenie e ortensie dell'Aism per sostenere la ricerca

E abbiamo deciso di dare un nome alla nostra campagna, chiamandola "Confcommercio donna in rosa" per mettere in rilievo anche l'importanza del ruolo che proprio la donna riveste, come ormai riconosciuto da tempo, nell'ambito dell'imprenditoria femminile.

Una nuova speranza per tutte le persone affette da sclerosi multipla: grazie a un recente studio, infatti, è stato possibile identificare un meccanismo molecolare che permette di migliorare l'azione delle terapie con cellule staminali neurali.

La causa o meglio le cause sono ancora in parte sconosciute, tuttavia le evidenze scientifiche indicano che la malattia origina da una combinazione di fattori ambientali e fattori genetici, pertanto la SM appartiene al gruppo delle malattie multifattoriali, patologie complesse la cui natura è legata a questa doppia componente. In fase infiammatoria queste ultime, insieme ai macrofagi, "riciclano" il succinato, un prodotto derivante dal metabolismo cellulare. Alla base di tutto una perdita di mielina in più aree del sistema nervoso centrale. È il risultato dello studio internazionale coordinato dall'Università di Firenze, descritto sull'ultimo numero della rivista scientifica Annals of Neurology. La precisione della diagnosi, sugli 83 pazienti oggetto della ricerca, è stata del 100 per cento, senza alcun errore di identificazione tra la sclerosi multipla e le vasculopatie infiammatorie. L'iniziativa, a cura dell'Associazione italiana sclerosi multipla (Aism), si intitola "Benvenuta Gardensia!". Del resto, "La sclerosi multipla è la più frequente malattia invalidante dei giovani, in cui meccanismi patogenetici autoimmunitari determinano lesioni infiammatorie-demielinizzanti nella sostanza bianca del sistema nervoso centrale e sintomi neurologici caratteristici - prosegue il noto neurologo - la diagnosi della malattia viene fatta sia clinicamente che attraverso esami strumentali o di laboratorio, in particolare con la risonanza magnetica dell'encefalo e del midollo spinale".

Il 3, il 4 e l'8 marzo, per la Festa della Donna, in 90 piazze di Brescia e provincia 250 volontari della sezione AISM di Brescia invitano a scegliere (con un contributo minimo di 15 euro l'una) una pianta di gardenia o una di ortensia, o entrambe, per sostenere la ricerca e l'assistenza, due facce della stessa medaglia: l'impegno a fianco delle persone con sclerosi multipla.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.