Morte Astori, il messaggio di Bernardeschi è straziante

Share

Morte Astori, il messaggio di Bernardeschi è straziante

In segno di rispetto per una morte che ha sconvolto il mondo dello sport e per la dipartita di un marito e padre di una bimba di 2 anni, si è fermata anche la trasmissione di Rai2 Quelli che il calcio.

Una notizia scioccante. Nella notte è morto il capitano della Fiorentina Davide Astori. E nonostante l'evidente scoramento per la perdita di un uomo eccezionale prima ancora che di un giocatore di peso, Della Valle si è lasciato andare a pensieri profondi e importanti: "È piuttosto difficile stare qua". Rinviata la giornata del campionato di Serie A.

A causare la morte di Davide Astori sarebbe stato un arresto cardiocircolatorio. "Mi sembra incredibile, sono incredulo e piango con la sua famiglia e tutta la Fiorentina", ha scritto su Twitter Matteo Renzi. A Bologna ci siamo fatti una chiacchierata poco prima della partita: mi parlava come fosse lui l'allenatore talmente era dentro il progetto viola. Sono rimasto senza parole.

Perché la Serie A si è fermata dopo la morte di Astori. I ragazzi - ha proseguito Della Valle - avranno la forza di reagire. Della Valle ha poirivelato che "lunedì Astori avrebbe firmato il rinnovo del contratto per chiudere la carriera con la maglia viola". Davide aveva grandi qualità umane e tecniche. "La città ci stia vicino, soprattutto alla famiglia. lo choc è ancora troppo forte". C'era un rapporto speciale con lui tra di noi. Intervenuto ai microfoni di Premium Sport, il dirigente federale ha chiarito come la finale di Coppa Italia potrebbe essere soggetta ad uno spostamento per far sì che il turno di campionato venga correttamente giocato. Un messaggio in memoria di Astori e' arrivato sui social anche da Diego Maradona: "Non ho mai avuto il piacere di conoscerti, ma da oggi ho un amico in piu' lassu'", ha scritto l'argentino. Complimenti davvero, - conclude Buffon - sei stata una delle migliori figure sportive nella quale mi sono imbattuto.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.