Davide Astori è morto per bradiaritmia. Lo conferma l'autopsia

Share

Davide Astori è morto per bradiaritmia. Lo conferma l'autopsia

I risultati dell'autopsia eseguita ieri (Vedi Suggeriti) hanno confermato la causa della morte: si è trattato di una "cardiaca senza evidenza macroscopica, verosimilmente su base bradiaritmica".

Ma adesso poco importa cosa ha causato la morte di Astori, adesso resta il magone, la tristezza e la sofferenza di tutta la sua famiglia e di quella bimba che adesso non avrà più suo padre con sé.

La Fiorentina ha chiesto ufficialmente di poter partecipare, con la nomina di un proprio consulente, all'autopsia, ma la Procura ha respinto la richiesta. Molto probabilmente, dunque, il cuore del calciatore ha rallentato il battito fino a fermarsi, per cause naturali. La Procura ha quindi firmato il nulla osta e il corpo del calciatore è stato messo a disposizione dei familiari.

L'anatomopatologo Carlo Moreschi e il professor Gaetano Thiene hanno per aggiunto che "per la diagnosi definitiva sono necessari approfonditi esami istologici seriati". La camera ardente sarà allestita nella sede della Nazionale a Coverciano, all'interno della grande palestra, e dovrebbe essere aperta questo pomeriggio.

Sarà sempre comunque difficile da capire come sia stato possibile che un ragazzo di 31 anni, sottoposto periodicamente a controlli medici regolarmente superati, sia morto improvvisamente, senza alcun sintomo mostrato nei giorni e nelle ore precedenti rispetto al decesso. Giovedì alle 10, invece, si svolgeranno i funerali a Firenze nella Basilica di Santa Croce.

Fiorentina e Cagliari ritirano la maglia numero 13.

In accordo con il Comune di Firenze, spiega una nota ufficiale della Fiorentina, saranno riservate due aree per i media all'esterno della Basilica, una riservata alle tv all'angolo tra piazza Santa Croce e via Antonio Magliabechi e l'altra, per fotografi e giornalisti di radio, siti e carta stampata, nei pressi della statua di Dante Alighieri.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.