Biagio Izzo, la richiesta del Pm: "Agli arresti domiciliari"

Share

Biagio Izzo, la richiesta del Pm:

A darne notizia è Repubblica.it, che spiega come il comico napoletano sarebbe finito al centro di un'indagine compiuta dalla Guardia di Finanza e che andrebbe a smascherare una serie di "presunti illeciti e favoritismi nelle procedure di riscossione dei tributi e nelle fasi successive di esecuzione forzata e giudizio in commissione tributaria".

L'attore e comico però si difende e dichiara: "Finirà tutto in una bolla di sapone, non ho chiesto favori a nessuno".

Nei mesi scorsi, il gip ha bocciato le richieste di arresti domiciliari avanzate dal pm Valter Brunetti nei confronti di Izzo e di altri indagati per i quali si avanzava richiesta di misura cautelare. Purtroppo conosco tante persone e c'è chi tenta di accreditarsi in questo modo.

La posizione dell'attore, accusato di turbativa d'asta, è finita negli atti per alcune intercettazioni che avevano come oggetto la vendita all'incanto di una moto e di una macchina, una Vespa 300 e una Fiat 500. Il 56enne attore protagonista di molti film cosiddetti cinepanettoni di successo è accusato di turbativa d'asta.

Secondo l'accusa, il titolare di un'agenzia di disbrigo pratiche, Mario Parisi e Rodolfo Imperiale, dipendente di Equitalia, avrebbero fatto in modo che i beni fossero acquistati all'asta tenuta nel febbraio del 2015 per poi ritornare nella disponibilità di Izzo.

La telefonata - Il giorno dell'asta giudiziaria venne intercettata una telefonata fra Imperiale e Parisi nel corso della quale quest'ultimo passa al suo interlocutore un uomo che, nella ricostruzione degli investigatori, sarebbe Lombardi. L'attore, infatti, non compare in alcuna conversazione ed è coinvolto nell'inchiesta solo indirettamente a causa di soggetti che cercano di entrare nelle sue grazie.

Secondo gli inquirenti si tratta di turbativa d'asta, ma non secondo il giudice, che non ha accolto la richiesta di custodia cautelare. "L'appello del pm, che non è neanche quello territorialmente competente, mi sorprende trattandosi peraltro di fatti di circa 3 anni fa".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.