Ancelotti: "Io Ct ? Ipotesi non lontana. Scudetto ? 4 punti non sono un'infinità"

Share

Ancelotti:

In molti, ad esempio, lo considerano il candidato ideale per la rinascita della Nazionale dopo il 'traghettamento' di Di Biagio. "Io ct della Nazionale?". L'ex allenatore di Juve, Milan, PSG, Chelsea, Real e Bayern, ha rilasciato una lunga intervista a 'Rai Sport' in cui ha parlato di vari temi ma soprattutto di un'ipotetica panchina azzurra. E' necessario per la Nazionale aspettare. Lo sentivo anche prima che diventasse vice-commissario e questo non ci impedisce di sentirci. La mia idea sarebbe quella di allenare tutti i giorni, solo per questo motivo c'è un dubbio da parte mia. "Non lo so, non dipende da me". Lo conosco e mi sorprenderebbe se dovesse lasciare.

Mi sembra ancora motivato e molto presente. "Di Biagio fa bene a contare su di lui, fa sempre bene". "Di Biagio fa sempre bene". "Toglie i dubbi a tutti e non allunga troppo i tempi, che si possono ulteriormente ridurre". Capitolo scudetto, con il sorpasso della Juventus ai danni del Napoli. Il Merito va ad Allegri, alla società e ai calciatori. I bianconeri sono meno competitivi in Europa? E parla anche di Champions League, Var. "L'obiettivo è raggiungere la finale".

"Poi che sia bello il gioco è soggettivo, a me piace molto, ad altri meno". Poi un pensiero sul "suo" Milan: "Credo che Gattuso abbia creato una buona sintonia coi giocatori: ha dato obiettivi, motivazioni, chiarezza. Penso sia difficile ribaltare il risultato contro l'Arsenal, ma nel calcio tutto è possibile". "Mi auguro riesca a passare, non sarà facile ma abbordabile".

SU ASTORI -" La sua scomparsa ha riappacificato e unito tutte le tifoserie, spero possa essere sempre così: "la violenza, pur essendosi ridotta, è comunque un problema per il calcio italiano.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.