Unicredit, utile sopra le attese nel 2017. Dividendo da 0,32 euro


Unicredit, utile sopra le attese nel 2017. Dividendo da 0,32 euro

Share

Unicredit, utile sopra le attese nel 2017. Dividendo da 0,32 euro

Complessivamente i dividendo Unicredit sono pari a 0,7 miliardi, dato che corrisponde al 20% dell'utile netto normalizzato della banca. Il margine operativo lordo è cresciuto del 15,8% a 8.268 miliardi. Tutti i target del primo anno del piano Transform 2019 sono stati raggiunti.E stato un anno molto positivo che fa ben sperare per il proseguimento di Transform 2019.

I ricavi sono cresciuti dell'1,7% a 19,6 miliardi grazie alle commissioni che mostrano un progresso del 7,1% a 6,7 miliardi e alla dinamica dei ricavi da negoziazione (+3,5% a 1,8 miliardi). La buona performance di tutte le divisioni ha consentito di realizzare un utile netto di Gruppo pari a 3,7 miliardi nel 2017, esclusi gli effetti delle cessioni di Bank Pekao e Pioneer nonche' l'impatto negativo di un costo non ricorrente registrato nella Non Core nel 3 trimestre 2017.

Transform 2019, ha concluso Mustier, è "in anticipo rispetto ai tempi previsti" e "tutti gli obiettivi per il 2019 sono stati confermati e siamo sulla strada giusta per rendere UniCredit una banca paneuropea vincente". L'istituto aveva terminato lo scorso anno con un utile netto adjusted di 11,3 miliardi di euro.

L'ultimo trimestre del 2017 di Unicredit si è chiuso con ricavi pari a 4,88 miliardi di euro, in salita del 5,1% rispetto ai 4,64 miliardi di euro dello stesso periodo dell'anno precedente.

I crediti deteriorati lordi dell'istituto si sono ridotti del 5,6% su base trimestrale e del rispetto al valore di inizio anno, attestandosi a 48,4 miliardi di euro con il rapporto tra crediti deteriorati lordi e totale crediti in miglioramento al 10,2%. Il cda ha proposto il pagamento di un dividendo cash di 0,32 euro per azione, pari ad un monte dividendi di 0,7 miliardi di euro, corrispondente ad un payout del 20% sui profitti normalizzati. Sul fronte del capitale, infine, il Cet1 Ratio Fully Loaded è al 13,6% per cento, mentre quello Pro Forma per Ifrs9 e Fino si attesta a 13,02%. "Abbiamo rafforzato in maniera significativa il nostro capitale grazie all'aumento di capitale interamente sottoscritto per 13 miliardi e abbiamo intrapreso azioni decisive per il de-risking del bilancio mediante un'operazione senza precedenti da 17,7 miliardi sui crediti deteriorati facenti parte del portafoglio FINO, con la seconda tranche dell'operazione che si e' conclusa a gennaio di quest'anno". Per il 2018 il Cet1 fully loaded è confermato tra 12,2% e 12,7%. Il consensus degli analisti indicava un dividendo di 0,3 euro per azione. La riduzione delle filiali e' ad uno stadio piu' avanzato rispetto a quanto previsto, in calo di 517 unita' nel 2017 a 4.820 (di cui 3.127 nell'Europa occidentale e 1.693 in CEE).

L'obiettivo sul ROTE (ossia il ritorno delle attività tangibili) è stato confermato al 9% per il 2019. Il multipli è stato pari al 7,2% nell'intero 2017.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.