Tumolero a medaglia 12 anni dopo il suo compaesano Fabris

Share

Tumolero a medaglia 12 anni dopo il suo compaesano Fabris

Mai nessun rappresentante del Bel Paese, neanche Enrico Fabris, era arrivato ad ottenere una medaglia ai Giochi su questa distanza. Con queste parole, il Presidente della Regione si congratula con il giovane pattinatore nato e cresciuto sportivamente sull'Altopiano di Asiago Nicola Tumolero, dopo la conquista della medaglia di bronzo nei 10.000 metri alle olimpiadi coreane. Secondo invece il nazionale olandese Jorrit Bergsma, mentre il nostro Tumolero ha chiuso sul gradino più basso del podio, terminando la propria prova con il tempo di 12'54 " 32.

Doveva essere una gara senza appello, si è trasformata in una sorpresa, azzurra e bellissima. Il 24enne di Roana ha centrato l'obiettivo sfruttando come meglio non avrebbe potuto il riferimento del canadese Ted-Jan Bloemen nella sua batteria, oro con il nuovo primato olimpico di 12'39 " 77. "Ma non avevo promesso nulla, già qualificarmi è stato un traguardo, è un terzo posto inaspettato". "Non credevo potesse succedere una cosa del genere, pensavo volesse puntare al primo posto, poi ho visto che tentennava un po' ed ho cominciato a sperare di potercela fare". "Sono andato più calmo per evitare di scoppiare a metà gara". "Ringrazio anche le Fiamme Oro per tutto" ha detto il neo bronzo azzurro che ha raccolto la sfida del pattinaggio durante Torino 2006. "Questo risultato è per la mia famiglia e per mia nonna Margherita in particolare". Con lui a Pyeongchang c'è la sorella Alessia e i suoi genitori Diego e Orietta, che hanno un negozio di abbigliamento. "Il calcio -conclude- invece non mi piace, non lo seguo".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.