Perché Veneto e Friuli Venezia Giulia litigano per il tiramisù

Share

Perché Veneto e Friuli Venezia Giulia litigano per il tiramisù

Tiramisù indigesto per Treviso: Zaia e Puppato litigano Il Friuli ha scippato a Treviso il riconoscimento di "Prodotto tradizionale" per il tiramisù: secondo Laura Puppato è colpa di Zaia, che doveva presentare la relativa domanda al Ministero. Ma il Veneto non ci sta a vedersi scippare così il record mondiale e accusa i friulani di aver "barato", aggiungendo la panna alla crema, anziché farla solo con il mascarpone.

Immediata la replica del Friuli: "Ci siamo attenuti agli ingredienti elencati nel regolamento del Guinness World Record".

Con la lunghezza di 266,90 metri, il tiramisù preparato a Villesse (Gorizia) vince la sfida e stabilisce il nuovo record di tiramisù più lungo del mondo. Tra questi ci sono "mascarpone cheese" e "cream", cioè panna. Il Tiramisù è perciò dolce trevigiano come l'America l'ha scoperta Cristoforo Colobo, in quanto se anche è probabile che i vichinghi siano arrivati in America prima di Colombo, la conoscenza della sua esistenza è dovuta a Colombo. Pertanto non può considerarsi tiramisù, che non prevede la panna tra i propri componenti.

La quantità di materiale usata per il dolce è impressionante: 48 mila savoiardi, 400 Kg.di panna e altrettanti di mascarpone, 420 litri di caffè, 200 Kg. di zucchero, 3000 uova (per lo zabaione) e 47 litri di Marsala.

Chi contesta l'utilizzo della panna "non conosce bene la storia del tiramisù: nella sua forma arcaica - spiega Ricci-: la "Coppa Vetturino Tirime Su" prevedeva l'uso della panna tra gli ingredienti". Dice Mirko Ricci, l'organizzatore della kermesse: "Siamo felici di questo risultato straordinario che appartiene a tutta l'Italia, niente polemiche con gli amici di Treviso".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.